Full text: Angeloni, Francesco: L' HISTORIA AVGVSTA DA GIVLIO CESARE A COSTANTINO IL MAGNO. Illustrata con la verità dell'Antiche Medaglie DA FRANCESCO ANGELONI

79.

   2. PON. M. TR. POT. e nell'opposto lato la Corona Ciuica; nel cui mezo sono le parole: S. P. Q. R. OB. CIVES SERVATOS. La qual medaglia senza fallo gli fù decretata per semplice adulatione, e non perche si troui, che egli la meritasse tale giamai, nè che facesse attione in prò de'Cittadini, che potessero, ò douessero riconoscerlo per Seruatore, ò per loro Padre.
   Ristorò in altra medaglia grande la memoria de'suoi fratelli Nerone, e Druso, secondo altroue si disse: mà quella fù con essi a cauallo dall'vn lato, con sole lettere dall'altro; & in questa ben si vedono dall'vna parte li medesimi due Cesaria cauallo con inscrittione: NERO, ET DRVSVS CAESARES: ma dall'altro stà la testa di Caligola laureata, e vi silegge: C. CAESAR DIVI AVG. PRON. AVG. P. M. TR. P. 11 11. P. P. cioè: Caius Caesar Diui Augusti Pronepos Augustus, Pontifex Maximus, Tribunicia Potestate quartum, Pater Patriae.
   
   3. Veggonsi in altra medaglia, oltre la testa di Caio laureata, e lettere: C. CAESAR AVG. GERMANICVS PON. M. TR. POT. le tre Sorelle di lui, cioè Agrippina effigiata per la Dea Costanza, la quale sostiene con la destra il Cornucopia, e s'appoggia con essa ad vna colonna. Drusilla rappresentante la Dea Concordia, con vn simile Cornucopia nella sinistra mano, & vna patera nella destra; e Giulia, che pur fù detta Liuilla, si dimostra per la Dea Fortuna, col Cornucopia nella sinistra, appoggiata con la de destra ad vn timone di Naue, e sopra ciascuna sono lettere, che palesano i nomi loro. Di dette Sorelle amò Caio suisceratamente Drusilla; intantoche de'suoi beni, e dell'Imperio, la instituì herede: ma sopragiunta poco appresso dalla morte, egli ne restò per alcun tempo inconsolabile. La honorò per sè stesso, e volle, ch'il Scnato, e'l Popolo la honorassero co'maggiori honori già conceduti a Liuia, & al Diuo Augusto: giurò, e fece giurar sempre per lo nome di Drusilla; oltre che le instituì più feste, e giuochi, & eresse Statue notabili: nè essendogli di gran lunga così grate l'altre due Sorelle, che soprauissero, le diede in preda, e confinò, come si disse.
   Stà in diuersa medaglia la testa laureata con inscrittione: C. CAESAR DIVI AVG. PRON.
   4. AVG. P. M. TR. P. 1111. e nella parte opposta, è la persona dell'Imperadore, che in piedi, benche iui habbia vna sedia, parla dal Tribunale ad alcuni Soldati, li quali coperti d'armi, con le Insegne militari nelle mani, rappresentano le Coorti, e lo stanno ascoltando, leggendouisi: ADLOCVT. COH. cioè Adlocutio Cohortis , ouero Cohortium . Tali allocutioni, ò parlamenti a'Soldati si faceuano, quando questi erano astretri a prestare il giuramento militare, ò che il Capitano, ò Imperadore dell'esercito diuisaua con essi il modo della battaglia, ò della ritirata, ò de'stipendij, ò d'altre simili occorrenze; il consentimento de'quali, alle cose proposte, si raccoglieua, ò dal percuotere l'haste sopra gli scudi, ò dall'alzare in alto il dito grosso, ò dall'accostarsi al collo le spade ignude. Ma doue si hauesse Caio l'opportunità di parlamentare per alcuno de'capi suddetti, non sò raccogliere; perciòche quantunque in diuerse fiate egli facesse prouedimenti da guerra, non pertanto mai guerreggiò: onde voglio credere, che tal medaglia fosse a lui decretata dal Senato per semplice adulatione dell'imprese eseguite più con la immaginatione, che con l'effetto, e che in dette vane occorrenze parlasse a'Soldati, acciòche fatti animosi dalle sue persuasioni, si conducessero più francamente a combattere i Nicchi,e le Conchiglie gittate a'lidi del Mare Oceano; e per la cui segnalata vittoria, dopo hauerne fatto raccogliere notabile quantità, e chiamatele spoglie dell'Oceano debite al Campidoglio, edificò iui vn'altissima Torre, sopra la quale, per additare la strada a'Nauiganti, ripose per la notte lumi accesi; e volle etiandio di cotal vittoria condurre in Roma il Trionfo.
   Rappresentasi in varia medaglia vna figura sedente in habito Donnesco, e col capo velato,
   5. che tenendo nella destra la patera, appoggia il sinistro braccio sopra il capo di vn fanciullo, e si legge nel disotto: PIETAS, e nel dintorno: C. CAESAR DIVI AVG. FRON. AVG. P. M.
   6. TR. P. 111. P. P. Si vede nel rouescio vn bellιssimo Tempio ornato di sei colonne, con architraue, che sostiene molte figure, & hà nel mezo vna quadriga con ornamento di vn lungo festone, che legato sù i capitelli delle prime colonne, và formando vn mezo cerchio; sù l'atrio del medesimo Tempio stà Caio istesso in piedi, ornato di vestimenta Sacerdotali, e che con la patera nella destra, fà suoi sacrifici sopra di vn'Ara. Hà dinanzi il Vittimario, che mantiene legata la Vittima; e vi è nel di dietro altra figura, che dalla sinistra mano lascia pendere vna gran patera col manico, e forse di quelle vsate per raccogliere il fangue dalla 

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer