Full text: Angeloni, Francesco: L' HISTORIA AVGVSTA DA GIVLIO CESARE A COSTANTINO IL MAGNO. Illustrata con la verità dell'Antiche Medaglie DA FRANCESCO ANGELONI

161.

mentre mostrò tenere in maggiore stima i Parti, che i Romani, pregiandosi d'hauerlo riceuuto da quelli, e non da questi, e lo diede al figliuolo: volendo Traiano fare apparire in ciò la Giustitia conueneuole al Padre, e la Clemenza vsata al Figliuolo. Andò visitando quelle Prouincie, e benignamente trattati que'Re, che si mostrarono vbidienti, confermò loro i Regni, e gli altri ne priuò, che gli si opposero, concedendoli a gli a mici, e mandando quelli a Roma prigioni, Le quali opere, che furono grandissime, si veggono confermate per la
   37. medaglia con testa laureata, e lettere allegate; & vn palco nel rouescio, sopra di cui stà sedendo l'Imperadore, con due figure da'lati in piedi, & egli stende la destra ad vno, che da terra solleua la sua, in atto di prendere da esso alcuna cosa, e due altre figure si veggono dietro di questa nel piano medesimo, leggendouisi: REGNA ADSIGNATA. S. C.
   Le quali cose auuenute, per effetto della prouidenza vsata da Traiano nell'incaminare il tutto con ottima dispositione, persuasero il Senato a rendere di ciò vn chiaro, e glorioso
   38. testimonio, in prò di lui, decretando la medaglia, con solita testa, e lettere, & vna Donna in piedi stolata, che appoggiato il sinistro gomito sopra vna Colonna, stringe in quella mano lo scettro, o hasta; mentre abbassando la destra, accenna col dito il Globo Celeste, che cinto dalla fascia del Zodiaco, le giace a'piedi, leggendouisi: PROVIDENTIA AVGVSTI. S. P. Q. R. S. C.
   Frà i Popoli pare, che la Prouidenza deriui immediatamente dal Principe loro: Di questa volle intendere il Senato, nel decretare simile medaglia, e non dell'altra, che procede da Dio. Come dunque, secondo il concetto de gli Antichi, la Prouidenza del Principe gouerna quà giù il tutto; così la figurarono, che accenna il Mondo, come a lei soggetto: ma è ben vero, che le stà il globo lontano, e solamente l'accenna col dito, per dimostrare, che non impone necessità, o forza: lo scettro, che hà nella mano, dimostra tuttauia il dominio, che tiene; e si appoggia ad vna Colonna, per la fermezza, che è propria della Prouidenza.
   Terminati da Traiano gli affari ne gli Armeni, e ne'Parti, sopraggiunto dal Verno, ritirossi con l'Esercito in Antiochia, e suoi contorni; doue s'vdì tal terremoto, che grandissime rouine, e portenti spauentosi vi cagionò. Se ne partì l'Imperadore nella Primauera, & andato nella Siria, gli conuenne d'attaccare iui, co'Barbari, fiera zuffa: hauendo in quei stretti passi, hauuti specialmente incontro gli Adiabeni; e vi pose tutta la State a soggiogarli. Nell'entrare suo nella Siria, giunto all'Eufrate, trouò i Ponti rotti, le Naui bruciate, e quei Barbari posti in armi, che per vietargli il modo d'appressarsi loro, haueuano fino i Boschi bruciati; acciòche nè le Naui, nè i Ponti potesse di nuouo edificare: mà egli con la sua potenza superato il tutto, rifece i Ponti, e le Naui, e passando in qualunque luogo, gli fù in piacere, li conquistò. Il sourano ardire dimostrato in tale impresa da Traiano, rappresentò, per auuentura, alcuna delle Città a lui diuota entro il medaglione con testa
   39. laureata congiunta a tutto il petto, e lettere: DIVO NERVAE TRAIANO AVG. e lui medesimo a cauallo, che vibrando vn'hasta, quasi per segnale di dominio, si spinge oltre di vn Ponte, alla congiunta pianura; e si vede non da quello distante vn Leone, che condotto per gran sete sotto l'istesso Ponte, stà beuendo; e forse ciò per dinotare, che simile paese abbonda di così fatte fiere. Che in detta medaglia, e nell'altra col Circo Massimo fosse attribuito a Traiano il nome di Diuo, non dee recare marauiglia, perche ciò si stimaua all'hora come douuto a suoi gran fatti, & in altre medaglie si vede, che fù per tal guisa honorato: oltre che gli stessi Barbari della Siria, quando lo videro esporsi con tanta audacia a grauissimi pericoli, & entrare ne'Regni loro, e trasportare per terra le Naui da vn fiume ad vn'altro, e fare di simili attioni da persona di gran cuore, lo giudicarono nõ huomo, ma alcuno de gl'Iddij venuto per distruggerli: simile medaglione mi fù recato con altre medaglie dal Sig. Gasparo Altadiani di S. Seuerino Benesiciato in S. Pietro di Roma, buono, e leale mio amico, e grato a ciascuno, perla sua naturale amoreuolezza, & affabilità.
   Trasferitosi in Babilonia, tentò di farui vn'opera, che auanzasse l'altre ben grandi condotte da lui a glorioso fine; peròche aperti i Letti delli fiumi Tigre, & Eufrate, fece di amendue vna profonda Valle, per la quale l'acque dell'vno, potesse entrare nell'alueo dell'altro, e vi fabricò vn Ponte, con habitationi, giardini, & altre commodità, le quali furono poscia vsate da'Paesani, chiamando cotal luogo Traianica Babilonia. Ridusse alla sua obedienza Atabilo Rè, che dimoraua co'Popoli a lui soggetti, in vna grande Isola del Tigre; & entrato 

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer