Full text: Simeoni, Gabriele: DIALOGO PIO ET SPECVLATIVO,

90.

male alle spighe, che in luogo di falce tiene in mano, la quale allegoricamente significa la retrogradatione & tardezza, alle qualiè suggetto Saturno piu che alcuno altro Pianeta. Giouane direiche fosse, perche giain quel tempo, quando paßò in Italia, non poteua essere (come pronepote di 'Noè) molto vecchio, o veramente perche signi ficando il tempo (che altro non è che il mouimento del primo mobile, detto altrimenti nona sfera) noi non il tempo inuecchiamo, manchiamo noi, & egli è sempre quel medesimo, come bene descrisse tutto questo Catullo, dicendo,
Soles occidere & redire possunt,
Nobis, cùm semel occidit breuis lux,
Nox est perpetua vna dormienda.
Onde nacque che gl'Egytij ne i loro Hyeroglifici dipinsero per il tempo il Sole & la Luna, & i Romani nelle lore medaglie
Note: Further links to external Census database:

  · Census ID10067242: »As of Domitian / Aeternitas (RIC 376)«
  · Census ID10068408: »Dupondius of Hadrian / Aeternitas (RIC 597)«

, per l'etternità, che mai non inuecchia, l'vno & l'altro Pianeta, & le due teste di Iano & di Saturno, come si vede in queste dell'Imperatore Hadriano:


L


Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer