Full text: Simeoni, Gabriele: DIALOGO PIO ET SPECVLATIVO,

27.

siano totalmente buoni secondo le loro dignità & luoghi, & cosiecco come i costumi, profeßioni, desiderij, fortune, & nature di tutti gl'huomini si tro uano diseguali: & se pur tal volta conformi, auerra dalla similitudine degl'ascendenti, o da gli amicheulio aspetti de i Pianeti, o segni dell'vno & dell'altro, o dalla mutua posseßione presa dai Pianetine i segni, come sarebbe che vn'altro nascendo hauesse in quel segno la Luna o altro Pia neta doue io hebbi il Sole, o quel medesimo Piane ta quando io nacqui, la quale ragione è similmẽte da Platone allegata ricercando & disputãdo nel suo Simposio le cagioni dell'amore & dell'odio, il quale similmente nasce fra due, che non si viddero mai da simili ma cõtrarij occulti effetti.
   DIPIS.. Resto benißimo soddi sfatto, Ma dimmi
Gl'Elementi?


   VR.. Sustanze contrarie, per l'accidentale alteratione, commistione, & corrozione delle quali, tutte le cose nascono & muoiano, dopo effere cresciute & diminuite.

   DIP.. Ilmondoin vniuersale?

   VR.. Ornamento perfetto, & apparente testimo-
C 2


Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer