Full text: Simeoni, Gabriele: DIALOGO PIO ET SPECVLATIVO,

133.

honoratamente. O'beatoil mondo, ò felicii Principi, ò contentii Popoli, se à i magistrati, à gl'offitij, alle dignità, alle faccende ciuili, alle imprese militari, à i gouerni delle Prouincie, & alla Religione fossero secondo i proprij meriti, non per priuati intereßi, per fauori, per disegni, per amicitie, per voluptuose cagioni, & per illeciti modi gl'huomini preposti. Troppi da seguitare per cerimo nia, & a spese mie (come fanno molti sciocchi, aspet tando sempre che la manna pioua) ne harei io tro uati de i Signori, discreti & liberali non sò, ma bẽ copiosi di tesori & di promesse assai. Ma vedendo la vita humana cosi breue, si veloce il tempo, l'arbitrio dell'huomo tanto inconstante, licentioso, maßimamente giouane, l'animo naturalmente ambitioso, & l'appetito piu inclinato al male che al bene, ne per ciò capace d'vn buon consiglio, giudicai essere meglio & piu sicuro viuere con poco liberamente & quietamente, che con piu abbondanza non passare vn'hora senza timore della mala gratia d'vn Padrone, suggetto à mille salsi rapporti, nati d'all'inuidia, nutrice di tuttii dapochi Cortigiani, i quali temendo che il pane non
Q 2


Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer