Full text: Rouillé, Guillaume: PRONTVARIO DE LE MEDAGLIE de piu illustri, & famosi huomini & donne, dal principio del Mondo insino al presente tempo, con le lor vite in compendio raccolte. PARTE PRIMA.

115.

Figure
Type: drawing

    SAFFO Poetessa, la sapiẽza della quale anchora esso Platone cõsideraua cõ marauiglia, fù però innamorata, & come perduta di Faone. Perche essendosi costui ritirato in Sicilia, Saffone vedẽdo esser tenuto di se poco cõto da quello, & bruciãdo per l'impatiẽza dell'amore, deliberò cõ dãno di sua vita, quietare il furore, & di Leucade promõtorio dell'Epiro, si dette in mare. Fùcostei amica di Erinna Poetessa, E di ambe due, cõ vn'epigrãma Greco si dice: Quanto saffo ne versi lirici era piu eccellente di Erinna, tanto Erinna co i versi exametri superaua la gloria di Saffo. I Mitilenei, ne loro danari scolpiuano l'imagine di Saffo. Vedi Celi. Rodig. li. 9. cap. 24. & li. 10. cap. 2. & li. 14. cap. 1. Fù costei inuentrice del verso Saffico, al quale dette il suo nome: & fù chiamata la decima Musa: è anchora in essere vn distico Greco d'Antipatro Sidonio, in questo modo: Vn grande stupore prese Mnemosine madre delle Muse, quando vdi Saffo cosi dolcemente cantare, & disse, hanno i mortali la decima Musa. Fù in Lesbo anchora vn'altra Saffo, ma meretrice. Fù costei al tẽpo di Tarq. Prisco.
    PANTEA , di bellezza & di castità gloriosa, fù moglie di Abradate. Costei presa da Ciro prigione, fù data à custodia ad Araspe Medo, quale affermò innanzi à Ciro nõ mai esser nata dõna piu bella: ne però andò mai Ciro à quella, ò la fece à se chiamare: per nõ si rimuouere dal far le faccẽde importãti. Per il che essa, ripẽsando questo tãto beneficio della cõseruata pudicitia, ridusse il suo marito in amicitia di Ciro, & lo fe mettere per lui in arme, acciò per q̃llo cõbatessi, è nella battaglia fù vcciso. Costei posto il suo capo sopra il petto dell'amato marito morto, se medesima vccise. E tre eunuchi suoi, presenti à tanto fatto, cõmoti à tal segno d'amore, similmente si tolsono la vita. Vedi Xenofonte li. 7. in Ciripedia. & Cel. Rodig. li. 13. cap. 33.
H

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer