Full text: Simeoni, Gabriele: ILLVSTRATIONE DE GLI EPITAFFI ET MEDAGLIE ANTICHE

189.


& per questo i Romani soleuono sempre separare i soldati

forestieri, chiamati da loro aussiliarij, dalle loro Legioni, collocando queste dentro al campo intorno alle tende de Consoli & Tribuni, & quelli di fuora intorno alli steccati & alle trincee.
   Vn Legionario (la guerra fornita) costerà molto meno à licentiarlo & rimandarlo à casa, & sarà piu facile à contentare, che il forestiero non sarà, & non farà. Et i danari (che è il punto principale) spesi nella guerra, resteranno o torneranno tutti, o la maggiore parte nel paese senza esserne portati ne gl'altrui: onde nasce la pouertà de i Principi

& delle Republiche insieme con quella de i loro poueri suggetti, oltre al pericolo che col tempo si corre, hauendo arricchiti i forestieri, & impoueriti i suoi, essercitati nell'arme i forestieri, & auuiliti i suoi, & manifestato à i forestieri i passi, i segreti, & le forze della tua prouincia, onde molte se ne sono gia perse con questa occasione à i tempi antichi: quello che io ho assai bene dimostrato nel x. capitolo delle mie Osseruationi militari.
   Somma di quanta importanza & vtile siano i Legionarij in ogni regione bene ordinata, doue si viua con honore della virtu & gloria della guerra, mi pare che habbino pienamente dichiarato Tito Liuio & Tacito: quello cosi scriuendo,
   

QVARE ID PRIMVM CAVENDVM PVTO ROM. IMPERATORIBVS, VT NE PLVS ALIENI, QVAM SVI ROBORIS IN CASTRIS HABEANT.
   

Et questo altro anchora meglio, parlando d'Agrippina madre di Nerone:
NIHIL RERVM MORTALIVM TAM IN-
STAB


Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer