Full text: Erizzo, Sebastiano: DISCORSO DI M. SEBASTIANO ERIZZO. Sopra le Medaglie de gli Antichi.

843.

originem, non autem eam que à serendo ducta fuisset. Sotto il Consolato di questo C. Atilio, il. quale fu Consolo insieme con Q. Seruilio Cepione l'anno 647. scriuono gli autori essere nato M. Tullio Cicerone.
    LA MONETA in argento di M. Antonio, ha da una parte la testa di Roma armata, col solito segno del Denario di dietro. Et ha dall'altra vn carro trionfale, tirato da quattro caualli, sopra cui uedesi la picciola imagine di vna Vittoria, che tiene nella destra vna sferza cõ tale iscrittione sotto il carro. M. ANTONI. C. F. ROMA . Questa moneta fù battuta in Roma, l'anno della città Dclj. nel tempo, che M. Antonio Pretore hebbe vna egregia vittoria contra i Corsali in Cilicia, da che egli entrò Ouante nella città. Conciosia. che à questo tempo i Corsali occupauano i mari con latrocinij, contra i quali. M Antonio Pretore riportò vittoria. Della quale fanno mentione gli Istorici. Et Obsequente scriue, che sotto i Consoli dell'anno presente, che furono C. Mario, & Q. Lutatio Catulo furono i Corsali destrutti da i Romani. E nell'Epitoma. 68. cosi si troua scritto. Antonius Praetor in Cilicia maritimos praedones persecutus est. Et scriue Tacito al lib. xij. che il medesimo fù aiutato da i Bizantij nella guerra Piratica. Ancora l'istesso Antonio, nel primo libro de Oratore, appresso Cicerone, dice lui essere stato Proconsolo in Cilicia. Ma lui hauer trionfato ci dimostra Plutarco, in Pompeio, quando dice, che la figliuola di Antonio huomo trionfale fù presa da i Corsali. Non dimeno ch'egli entrasse Ouante nella città, e non trionfante, la sorte della guerra umile e di poco pregio ci può far pruoua, Il medesimo Antonio, che fù questo anno Pretore, doppo tre anni prese il Consolato. Ora che esso ò Ouante, ouero in altro modo trionfasse di tal vittoria, ne habbiamo il riscontro di questa moneta, che ha da un lato la quadriga trionfale, con la Vittoria sopra il carro. Ma chi fosse questo M. Antonio Pretore, io direi, secondo la mia opinione, essere stato il padre di M. Antonio. III . Viro. nominato nel suo libro de Oratore.
    LA MONETA in argento di C. Mario, ha da una parte la testa di una Vittoria alata, con tale iscrittione dinanti al uolto EX S. C . Ha per riuerso un trofeo carico di armi, & spoglie di nemici, à piedi del quale sta vno cattiuo legato, e dirimpetto al detto trofeo vedesi vna gran figura di vna Vittoria alata, che nella sinistra tiene una palma, & con la destra mano corona quel trofeo. sotto il quale leggonsi queste lettere. C. MARI. C. F . Questa moneta fù battuta in Roma, l'anno della città Delj. sotto il Consolato di C. Mario, collega in questo anno di Q. Lutatio Catulo, in tempo della uittoria, ch'egli hebbe contra i Cimbri, e i popoli Theutoni, et Ambroni. Conciosia, che nel presente anno i Cimbri scacciati dai Celtiberi della Spagna in Gallia, congionti insieme coi Theutoni, Ambroni, e Tigurini, si suscitarono un'al tra. volta, si fatitamente, che passate le Alpi vennero in Italia. La qual noua intesa da Mario, egli subito si tranferì nella Prouincia; & in Gallia si oppose à gli Ambroni, e Theutoni; facendo che il suo collega Catulo andasse ad incontrari Cimbri i quali pareua e'hauessero fatto impeto per il Norico. Ma Mario perseguendo i Barbiri alle Acque Sestie, con prospera battaglia vccise in prima gli Ambroni, e final-
mente

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer