Full text: Erizzo, Sebastiano: DISCORSO DI M. SEBASTIANO ERIZZO. Sopra le Medaglie de gli Antichi.

589.

adunque in quel tempo fu battuta à gloria di ambedue i Filippi, padre, & figliuolo; conciosia che entrando esso Filippo al gouerno, si tolse seco compagno nell'Imperio, & partecipe Filippo il figliuolo; si come ci dimostrano le lettere dall'altra parte della medaglia. CONCORDIA AVGVSTORVM . Le quali tre faccie riuolte l'una uerso l'altra significano la concordia & una stessa uolontà di tutti e tre, padre, madre, & figliuolo. Ma le lettere dentro lo scudo VOTIS con quelle altre note numerali, eràno solite à farsi in augurio della salute de i Principi, ò della Republica. Et la iscrittione di questi voti si poneua ne i riuersi delle medaglie, ouero sopra gli archi trionfali, quando il Senato & popolo Romano faceua il voto di sacrificare, ouero di celebrar giuochi, ò di consacrar Tempij, se in tanto spatio prescritto de gli anni la Republica ò il Prencipe si manteneua in quel medesimo stato, nel quale fioriua allora quando faceuano i voti. Da che si legge appresso gli istorici, che i Romani alle volte tralasciauano questo augurio della salute, per vinticinque anni, & poi lo ritõrnauano. Questo uoto si dichiara sopra un'arco di Constantino à Roma con lettere tali. VOTIS XX . & ancora in altri archi. Et ne i riuersi di molte medaglie de ’gli Imperadori piu vltimi, si ueggono tali lettere. VOT. X. VOT. XXX . Et osseruandosi ogni anno tale augurio della salute; si come si scioglieua questo obligo del uoto di dieci, di uinti, ò di trenta anni, cosi i Romani, ne lasciauano le memorie à i posteri nelle medaglie, ne i marmi, & ne gli edificij, secondo che dalle lettere di tal medaglia si comprende. Le lettere segnate di questi voti con tali note. VOT. X. XX. XXX . leggonsi cosi. Votis Decennalibus. Vicennalibus. Tricennalibus. Di questi uoti noi ragionato habbiamo à bastanza in Augusto. Ma noi uediamo farsi mentione di cotali uoti presi e sciolti per la salute del Principe da Plinio Secondo nelle sue Epistole à Traiano Imperadore, in questo modo. PLINIVS. TRAIANO . Solennia vota pro incolumitate tua, qua publica salus continetur, & suscepimus Domine pariter, & soluimus, precati Deos, vt uelint ea semper solui, semperq́ue signari. TRAIANVS. PLINIO . Et soluisse vos cum prouincialibus Dijs immortalibus vota pro mea salute & incolumitate, & nuncupasse, libenter mi Secunde carissime cognoui ex literis tuis. Et piu oltre ancora il detto Plinio ne parla con tali parole. PLINIVS. TRAIANO . Vota Domine priorum annorum nuncupata alacres, laetiq́ue persoluimus, nouaq́ue rutsus curante commilitonum, & prouincialium pietate suscepimus, precati Deos, vt te, remque publicam florentem & incolumem ea benignitate seruarent, quam super magnas, plurimasq́; uirtutes praecipua sanitate obsequi deorum honores meruisti. TRAIANVS. PLINIO . Soluisse uota Dijs immortalibus, te praeeunte pro mea incolumitate commilitones cum prouincialibus laetissimo consensu, & in futurum nuncupasse, libenter mi Secunde carissime cognoui literis tuis.
   Adunque da queste lettere di Plinio à Traiano, & di Traiano à Plinio noi chiaramente conosciamo quello che fosse appresso i Romani, Suscipere, Sol
uere, &

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer