Full text: Erizzo, Sebastiano: DISCORSO DI M. SEBASTIANO ERIZZO. Sopra le Medaglie de gli Antichi.

581.

cato il Tempio alla madre, come habbiamo in Vergilio.
Erycino in vertice edem
Fundabat Veneri Idaliae.

   Fu parimente in Roma vn Tempio di Venere Ericina, come scriue Strabone, & di cui fa ancora mentione Ouidio. Et Liuio nel libro II . della terza Deca, con tali parole. Tum aedes votae Veneri Erycinae, aedemq́ue Fab. Max. Dictator vouit; quia ita ex fatalibus libris edictum fuerat: vt is voueret, cuius maximum imperium in ciuitate esset. &c.
   Et fu vn'altra Venere Ericina à Roma alla porta Collina, la quale in quell'anno che Aquilegia Colonia Latina fu condotta ne i terreni de Galli, L. Portio Licino duumuiro dedicò per voto fatto dal medesimo, essendo Consolo, nella guerra Ligustina, di cui cosi scriue Ouidio.
Templa frequentari Collinae proxima portae
Nunc decet, à Siculo nomina rege tenet.

   Leggiamo appresso essere stata adorata da Romani Venere Vincitrice, il cui Tempio fu nel theatro di Pompeo. Onde già alcuni anni fu ritrouato in Roma un fragmento di una statoa di marmo, nel quale si leggeua questa iscrittione VENERIS. VICTRICIS . Et ho veduta parimente vna medaglia in rame di Antonino Caracalla, dal cui riuerso si scorgea figurata l'imagine di Venere vincitrice, che teneua nella destra vna Vittoria, & nella sinistra un'asta, appoggiandosi sopra uno scudo, con lettere intorno tali. VENVS. VICTRIX . Et ne' riuersi ancora delle medaglie in rame di Faustina; infra le quali io ne ho vna in rame, greca, & di mezana grãdezza, con lettere tali. ΦΑΥCΤΕΙΝΑ. ΝΕΑ. CΕΒΑCΤΗ . cioè Faustina. Iunior. Augusta. Ha per riuerso la figura ignuda della Dea Venere, con tale iscrittione d'intorno. ΚΥΖΙΚΗΝΩΝ. ΝΕΩΚΟΡΩΝ . La qual medaglia le fu battuta da i popoli Ciziceni. Et ho ancora vna bellissima medaglia in rame appresso di me di Faustina, pur la giouane con lettere ta'i. FAVSTINA AVGVSTA . Ha per riuerso vna Venere, che prende & tira à se con ambe le mani Marte; & par che voglia mitigare ouer domare il Martial furore, dimostrandolo con tale iscrittione VENERI. VICTRICI . Essendo, come dicono gli Astrologhi, questa la proprietà del pianeta di Venere, che essa Venere mitighi Marte; hauendo finto gli antichi, che esso Marte Iddio tanto terribile & feroce piaceuolmente se ne stesse con lei. Il simolacro di Venere vincitrice noi ritrouiamo ancora ne i riuersi di altre medaglie. Infra lequali vna mi è peruenuta alle mani, in rame, di Faustina la giouane con tale iscrittione intorno alla testa. FAVSTINA. AVGVSTA . Ha per riuerso essa Venere vincitrice, che nella destra tiene vna vittoria, & con la sinistra si appoggia sopra uno scudo, dentro di cui è figurato Enea, che porta il padre Anchise sopra le spalle, come quello che fu figliuolo di Venere, dal quale Enea trassero ancora i Romani la origine del lor lignaggio, il qual segno in venere non ho mai ueduto piu in altre medaglie. & ui si leggono tali lettere intorno VENERI VICTRICI. S. C . Si come io mi ritrouo ancora un'altra medaglia
Kk 4 in rame,

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer