Full text: Erizzo, Sebastiano: DISCORSO DI M. SEBASTIANO ERIZZO. Sopra le Medaglie de gli Antichi.

50.

gusto concessi per decreto del Senato, si come leggiamo nelle istorie. di che fa mentione Dione nel lib. 49. parlando di quegli onori, che doppo la uittoria c'hebbe Augusto contra Sesto Pompeo, gli furono concessi da i Romani; cioè le laudi, le statue, & la presidentia, & una carretta trionfale, & che usasse sempre la corona del lauro, con queste parole. Romae autem Cesari laudatio vnanimi consensu, statuaeq́ue, primus locus in consessu, arcus trophęo ornatus, vtq́; eques in vrbem intraret, semper lauro coronaretur, ac die ea qua vicisset, qua feriae anniuersariae essent, in aede Iouis Capitolini cum coniugibus & liberis epularetur, statim post victoriam decretum est. &c. Vedesi ancora vn'altra medaglia di Augusto
Note: Further links to external Census database:

  · Census ID10041729: »Aureus of Augustus / Soldiers (RIC 164)«
  · Census ID10041734: »Denarius of Augustus / Soldiers (RIC 165)«

, in oro, & in argento, che ha dall'altro lato l'Imperadore sopra vn palco, che porge il destro braccio in fuori riceuendo dui rami di lauro da due figure in piedi, le quali co i detti rami gli vengono incontro, con lettere sotto tali. IMP. X . Le quali figure sono il popolo Romano, che per decreto del Senato gli porge i rami del lauro à lui concesso & statuito, dinotanti la plebe laureata andare incontro l'Imperadore. Della qual cosa fa mentione Suetonio nella sua vita. Patris patriae cognomen vniuersi repentino, maximoq́; consensu detulerunt ei. Prima plebs legatione Antium missa, deinde quod non recipiebat ineunti. Romae spectacula frequens, & laureata, mox in curia Senatus, neque decreto, neque acclamatione, sed per Valerium Messalam id mandantibus cunctis, quod bonũ, inquit, faustumq́; sit tibi, domuiq́ue tuae Caesar Auguste (sic enim nos perpetuam felicitatem Reip. & laeta huic precari aestimamus) senatus te consentiens cum populo Romano consalutat patriae patrem. &c. Donde vediamo, che le figure con i lauri in tali medaglie, sono la plebe laureata, di cui fa mentione Tranquillo. Ma potrebbe ancora essere, che li dui rami del lauro nella presente medaglia segnati fossero quei lauri, che innanzi alla casa di Augusto nel Palatio furono posti, per decreto del Senato, quando ancora gli furono concesse le corone della quercia. di che fa mentione Dione nel lib. 53. con tali parole. Cęsari cum oratione de eiurando regno ac diuidendis prouincijs habuisset, multi erant honores delati, nempe vt ante ipsius domum. in Palatio lauri ponerentur; ac super eas coronae quernae suspenderentur, nimirum quod perpetuus hostium victor, ac ciuium esset seruator &c. Di questi lauri scriue Ouidio P. al lib. 1. delle Metamorfosi, in conformità. quando doppo conuertita Daphne in lauro, Apollo dice.
Cui Deus, at quoniam coniux mea non potes esse.
Arbor eris certe dixit mea, semper habebunt.
Te comae, te citharae, te nostrae Laure pharetrae.
Tu ducibus laetis aderis; cum laeta triumphum.
Vox canet, & longas visent capitolia pompas.
Postibus Augustis, eadem fidissima custos
Ante fores stabis, mediamq́; tuebere quercum.
Vtq́ue mirem intonsis caput est iuuenile capillis,
Tu quoque perpetuos semper gere frondis honores.

B 4 Oltre

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer