Full text: Erizzo, Sebastiano: DISCORSO DI M. SEBASTIANO ERIZZO. Sopra le Medaglie de gli Antichi.

44.

instinctu, vbi constituerunt sapientiae mysteria nobis significare non usi fuisse figuris literarum, significaturis sermonis discursiones & propositiones quasdam, & imitaturis voces pronuntiationesq́ue regularum, sed potius describentes imagines rerum singulas singularum, easq́ue depingentes in sacris, clam rei ipsius discursum significauisse; quod uidelicet scientia, & sapientia quaedam sit vnaquaeque imago, siue exemplar & subiectum illud spectaculum totum vnà collectum, neque sit excogitatio quaedam neque consilium: postea vero ab ipsa imagine exemplari siue sapientia simul tota, simulachrum in alio quodam fiat iam euolutum, atque loquens in discursione quadam, & causas, propter quas ita res institutae sint, inueniens: dum uidelicet dispositio rerum quod ita bene se habeat, mouet admirationem. &c. Scriue ancora Erodoto, che gli Egittij da prima scolpirono nei marmi gli animali, & che usarono lettere di due sorti, alcune che chiamauano sacre, & alcune altre popolari. Appresso si legge nelle antiche memorie, che gli Egittij haueuano lettere proprie, le quali generalmente come natie del paese loro tutti imparauano; & queste furono le popolari. Ma quelle che essi chiamarono sacre, soli sapeuano & intendeuano i sacerdoti, riceuute & apprese per successione da i parenti loro. Et gli Ethiopi ancora, de i quali pare che fossero coloni gli Egittij, usauano tutti quelle medesime figure, come si uede da diuerse antiche memorie ritrouate in quel paese. Noi habbiamo ancora il testimonio d'Ammiano Marcellino nel lib. xvij. di queste lettere con tali parole. Est autem obeliscus asperrimus lapis in figuram metae cuiusdam, sensim ad proceritatem consurgens excelsam, vtique radium imitetur gracilescens paulisper, specie quadrata, in uerticem productus angustum, manu leuigatus artificis. Formarum autem innumeras notas Hieroglyphicas appellatas, quas ei vndique videmus incisas, initialis sapientiae uetus insigniuit autoritas, volucrum enim ferarumq́ue, etiam alieni mundi, genera multa sculpentes, ad aeui quoque sequentis aetates imperatorum vulgatius peruenire memoria, promissa, vel soluta Regum uota monstrabant. Non enim vt nunc literarum numerus prraestitutus, & facilis ex primit quicquid humana mens concipere potest, ita prisci quoque scriptitarunt Aegiptij, sed singulae literae singulis nominibus seruiebant, & uerbis nonnunquã significabãt integros sensus. &c. Rendono ancora testimonio di queste sacre lettere Strabone, Plinio, & Plutarco. ilche si puo anco uedere da gli Obelisci di caratteri ieroglifici scolpiti, ne'quali le figure, & le effigie di diuersi animali, & d'erbe, fiumi, & arbori scolpite spiegano & dimostrano la Egittiaca filosofia. Percioche ne gli Obelisci de i Rè Egittij Sennosorneo & Sesotide, i quali di Egitto a Roma furono trasportati, per cotali segni, & ieroglifiche note la natura delle cose si è interpretata, & cosi da prima la filosofia de gli Egittij fu illustrata; i quali Obelisci erano già in Roma al numero di sei. Ancora Diodoro Siculo nel quarto libro della sua biblioteca di tal cosa ci fa fede con queste parole. Sed de Aethyopum literis, quas Aegyptij sacras uocant, ne quid de priscis rebus ommittatur, dicendum. Sunt Aegyptiorum literae
B uarijs

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer