Full text: Erizzo, Sebastiano: DISCORSO DI M. SEBASTIANO ERIZZO. Sopra le Medaglie de gli Antichi.

377.

rem ciuium affectans. Sed interpellauit istam felicitatem securitatemq́ue Imperatoris prima Tiberis inundatio, quae sub illis grauissima fuit: quae res & multa vrbis ae dificia vexauit, & plurimum animalium interemit, & famẽ grauissimam peperit. Quae omnia mala Marcus & Verus sua cura & praesentia temperauit. Potrebbe nondimeno essere che il Teuere fiume di Roma fosse qui segnato di quella maniera, che si vede in altre medaglie de' Cesari, cioè come per la impresa della città di Roma segnato. Percioche, si come ne' riuersi delle medaglie di alcuni Imperatori, si uede Roma, per impresa, cosi possiamo noi giudicare, che sia posto il fiume Teuere in questa, il quale si mette ancora alcuna uolta per Roma. Ma noi vediamo farsi mentione variamente da i Poeti del Teuere, come leggiamo in Virgilio al lib. v.(dell'Eneida.
Quod superest, oro, liceat dare tuta per vndas
Vela tibi, liceat laurentem attingere Tybrim:
Si concessa peto, si dant ea moenia Parcae.

   Et ancora al lib. VI. verso il fine, scriue cosi.
Quantos ille virum magnam Mauortis ad vrbem
Campus aget gemitus? vel quae Tyberine videbis
Funera, cum tumulum praeterlabere recentem?

   Poi al lib. VII. parla del medesimo fiume.
Atque hic Aeneas ingentem ex aequore lucum
Prospicit, hunc inter fluuio Tyberinus amoeno
Vorticibus rapidis, & multa flauus arena
In mare prorumpit, variae circumq́; supraq́;
Assuetae ripis volucres, & fluminis alueo
Aethera mulcebant cantu, lucoq́; volabant. &c.

   Et perche posa questo fiume la sinistra mano sopra un'vrna, che versa acqua, di quel medesimo modo, che si uede nella medaglia di Antonino Pio, che ha per riuerso il fiume Teuere, noi diremo, che gli antichi fingeuano li fiumi con le Vrne, che versauano acque, di che ne habbiamo il testimonio de i Poeti, & in Virgilio al lib. 7. dell'Eneida, con questi versi.
Cęlataq́; amnem fundens pater Inachus vrna.

   Lo istesso Poeta poi al lib. 8. dell'Eneida, cosi dice.
Huic Deus ipse loci fluuio Tyberinus amoeno
Populeas inter senior se attollere frondes
Visus, eum tenuis glauco velabat amictu
Carbasus, & crines vmbrosa tegebat arundo.

   Et piu innanzi, parlando pur il Teuere ad Enea
Mihi victor honorem
Persolues, ego sum pleno quem flumine cernis
Stringentem ripas, & pinguia culta secantem
Cęruleus Tybris, coelo gratissimus amnis.
Hic mihi magna domus celsis caput vrbibus exit.
Dixit, deinde lacu fluuius se condidit alto,

Ima

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer