Full text: Erizzo, Sebastiano: DISCORSO DI M. SEBASTIANO ERIZZO. Sopra le Medaglie de gli Antichi.

192.

Pausania, che nel Pireo porto de gli Ateniesi, fu consecrato à Gioue un simolacro di metallo, ilquale teneua vno scettro nella sinistra mano, & nella destra vna breue imagine della Vittoria. Di questo Gioue Forense fa mentione Gregorio Giraldo nella sua istoria de gli Iddij con tali parole.
   ἀγοραῖος ξεὺς, idest (vt interpretatur & Valla, & Domitius, hic apud Pausan. ille apud Herodotum) Iupiter forensis, pluribus uerò in locis cultus, sed in primis, Pausan. & Hesychio testibus, apud Athenienses. Hunc Euripides in Heraclidarum tragoedia copiose describit. Legimus & Mercurium, Mineruam, & Dianam hoc cognomine nuncupatos, vt suo loco dicemus. Ma un'altra medaglia di Domitiano in rame, mi è peruenuta alle mani, greca, picciola, la quale ha da un lato la testa di Domitiano in età giouenile, con tale iscrittione. ΔΟΜΙΤΙΑΝΟC ΚΑΙCΑΡ. CΕΒΑCΤΘΥ ΥΕΙC . cio è Domitianus. Caesar. Augusti Filius. Ha per rouescio un bellissimo Ceruo, con queste lettere intorno. ΕΦΕΣΙΩΝ . cio è Ephesciorum. La qual medaglia fu battuta à Domitiano da i populi Efesij, doue se uedeua il suo famoso tempio. Ora in proposito di questo Imperatore, io ho appresso di me una medaglia in rame, picciola, greca, di eccellente maestro, che ha da una parte una testa di donna, con iscrittione di lettere corrose intorno tali. . . ΑΙΤΟΚΡΑΡΟC. ΔΟΜΙΤΙΑΝΟΥ. ΕΙΡΗΗΝ . cio è Imperatoris. Domitiani. Pax. Ha per riuerso un carro tirato da quattro caualli, con una figura sopra, che pare che habbia rapita una donna, & che fuggẽdosi la porti uia sopra il carro con tale iscrittione. ΝΙCΕΩΝ . Questa medaglia io stimo che fu battuta à Domitia moglie di Domitiano, che se chiamò Domitia Longina Augusta, figliuola di Corbulone, della quale si ritrouano altre medaglie in rame, & in argento, & alcune io ne ho uedute Grece, che hanno la sua testa, con quella di Domitiano all'incontro. La medaglia fu battuta da i populi Hisci dell'Attica regione. Della quale Nisea cosi scriue Strabone al lib. IX. Qui igitur oram descripserunt Atticam, cum multis in rebus discrepent, in eo consentiunt aestimatione digni, quod cum Pandionis regis quatuor essent filij Aegeus, Lycus, Palas, & quartus Nisus, & Attica regio quatuor esset in partes diuisa, Niso Megara sorte obuenerunt, qui Nisęam condidit Adunque questa Nisea era nella regione dell'Attica paese de Atheniesi, la qual fu edificata da Niso; Il carro con quelle figure io giudico, che sia di Plutone, che rapisce Proserpina.
Figure
Type: drawing

    LA MEDAGLIA di Domitiano, di me ana grandezza, in rame, con la corona in testa, & in età giouenile, con lettere tali. IMP. CAES. DOMIT. AVG. GERM. P. M. TR. P. XI . Ha per riuerso l'arbore della palma, con i frutti di quella pendenti, dalle radici della quale si leggono queste lettere. IMP. XXI. COS. XVI. CENS. P P P .
   Questa medaglia non fu battuta in Roma, ma da
alcuna

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer