Full text: Erizzo, Sebastiano: DISCORSO DI M. SEBASTIANO ERIZZO. Sopra le Medaglie de gli Antichi.

117.

molte altre cose ordinò che nel mezo della via Appia si edificasse in onore del padre di Claudio, che fu Nerone Druso, che entrò in Roma, trionfante, & vittorioso contra i Germani; nel qual arco volle il Senato, che fossero scolpiti i suoi trofei, & le sue vittorie; & uolle, che i suoi descendenti fossero cognominati Germanici; come scriue Suetonio. Il che le lettere dal riuerso di detta medaglia par che dimostrino.
Figure
Type: drawing

    LA MEDAGLIA di Claudio, di metallo giallo, grande, con lettere, che dicono. TI. CLAVDIVS. CAESAR. AVG. P. M. TR. P. IMP. P. P . Ha per riuerso vna figura in piedi, con vn fiore in mano, & cõ lettere tali. IMP. T. VESP. AVG. REST . cioè. Imperator. Titus. Vespasianus. August. restituit & S. C . Questa medaglia fu battuta & restituita da Tito ad onore & memoria di Claudio doppo la sua morte. La figura in piedi, che col destro braccio porge un fiore innanzi è la Speranza; la quale parimente si vede in molte medaglie di Claudio, in rame. Questa Speranza fu da i Romani adorata, come Dea, il Tempio dela qualle fu nel foro olitorio, si come scriue T. Liuio con queste parole. AEdem Spei, quae in foro olitorìo fuit, fulmine ictam fuisse. Scriue ancora il medesimo Liuio, che il detto Tempio essendo Q. Fabio & T. Sempronio Graccho Consoli si abbrucciò. il qual Tempio scriue M. Tullio essere stato consecrato da Collatino. Questa Dea Speranza era figurata da gli antichi nel modo, che nella presente medaglia si vede, cioè la figura di vna donna vestita, che porge con la mano innanzi un fiore, che mostra di essere un giglio. Conciosia, che per il segno del fiore si dimostra la speranza. percioche, se la speranza è vna aspettatione del bene, si come all'incontro il timore è vn commouimento dell'animo nell'aspettatione del male; & se uedendo noi li fiori, indi fogliamo sperare i frutti, egli non e dubbio, che'l fiore non sia del futuro bene il nuncio, che poco dapoi promette il venturo frutto, da che nasce la speranza. Ond'è che esso fiore si pone in mano alla Dea Speranza. Ma quantunque tale sia il significamento di tutti i fiori, che ci diano occasione di speranza, nondimeno il principale di tutti i fiori, che la speranza ci porga & dimostri, è il giglio. il qual giglio è quel fiore, che in mano di questa figura si uede. Però noi uediamo ne' riuersi di molte altre medaglie de' Cesari, questa Dea Speranza, che dimostra la forma del giglio piu tosto, che di alcun'altro fiore; come vediamo nella medaglia in rame di Alessandro Seuero, che ha per riuerso questa Dea, che porge con la destra il giglio, con tale iscrittione. SPES. PVBLICA . Ma piu spesso & chiaramente si scorge questa figura del giglio in mano di questa Dea Speranza nelle medaglie di Claudio, & in quelle ancora che non furono restituite da Tito, con tale iscrittione. SPES. AVGVSTA. SPES. PVBLICA . Et etiandio nel medesimo modo & abito la stessa figura si vede nelle meda-
glie in

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer