Full text: Vico, Enea: LE IMAGINI DELLE DONNE AVGVSTE INTAGLIATE IN ISTAMPA DI RAME; CON LE VITE ET ISPOSITIONI DI ENEA VICO, SOPRA I RIVERSI DELLE LORO MEDAGLIE ANTICHE. LIBRO PRIMO.

380.

    Il che & Domitio afferma nell'vno, & nell'altro luogo. Le lettere, che circondano la
Note: Further links to external Census database:

  · Census ID10030821: »Denarius of Domitian (Domitia / Boy on Globe, RIC 153) (owner: G. Grimani)«

medaglia, & dicono: PIVSCAES. IMP. DOMITI ANVS, confermano quello, che di sopra scriue Papinio , per la pietosa opera, che fu fatta da Domitiano verso il figliuolo, di fargli publicamente le debite essequie, & collocarlo nel cielo, & per quella, che vsò ne l'honorarlo, & fare di lui memoria nelle monete, come di vno Dio; percioche pietà, propriamente è quella, che si vsa verso i Dei, verso la patria, & verso i parenti. Questa medaglia è appresso del Reuerendißimo Patriarca d' Aquilea .

381.
STATVA DI DOMITIA DINANZI AD VNO ALTARE. Medaglia IIII. in ordine II.


    LA presente
Note: Further links to external Census database:

  · Census ID10026206: »Sestertius of Domitian (Domitia / Domitia with Child, RIC 134) (owner: T. Decianus)«

medaglia molti giorni mi ha fatto sudare le tempie, in pensare, in ricercare ciò, ch'ella con tal segno volesse significare, per la oscura iscrittione sua: & già diffidando, del mio giuditio era io fuori di speranza di intenderla, quando essendomi peruenuta alle mani la sopradetta moneta, oue è il fanciullo sopra la sfera, & appresso trouato il luogo di Papinto , compresi chiaramente, questa da Domitiano esser stata fatta con la medesima intentione di quella; & la statua, che siede, & ha dinanzi lo altare con le fiamme accese, essere di Domitia: conciosia cosa, che essendo stato deificato il detto fanciullo, è cosa certa, che ancora gli fussero ordinati sacrificij, altari, et sacerdoti, et come era vsanza della vanità, & pazza adulatione de' Romani, la madre istessa per auentura gli sacrificasse: et per questa cagione fosse posta in publico vna sua statua di bronzo, ò d'altra materia fatta simile à questa, et appresso effigiata in medaglia, in honore dell'vna, et dell'altro, si come la propria iscrittione dimostra: DIVI CAES. MATER. cio è madre del fanciullo sopradetto, chiamato Cesare, & satto vn Dio. L'antica medaglia di rame, la quale è di forma grande, & dalla quale ho tratto questo esempio, vn tempo fu mia, hora è appresso dell'Eccellente Iuriscons. M. Tiberio Deciano .

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer