Full text: Vico, Enea: LE IMAGINI DELLE DONNE AVGVSTE INTAGLIATE IN ISTAMPA DI RAME; CON LE VITE ET ISPOSITIONI DI ENEA VICO, SOPRA I RIVERSI DELLE LORO MEDAGLIE ANTICHE. LIBRO PRIMO.

209.

a colui, a cui giustamente, si perueniua, sarebbe dato l'Imperio; & per questo raunando quanto piu ella poteua danari da ogni banda, ori, & argenti, & accarezzando i Tribuni, & i Centurioni; & cosi la nobiltà Romana, gli venne a mettere tanto spauento, ch'egli fu forzato dalla paura di tentare ogni via per leuarsela dinanzi: & in questo hauendo tentato il veleno, & trouatola armata, ne vedendo via sicura al ferro, ordinò (secondo che scriue Suetonio nel titolo trentesimo quarto) che la notte, mentre che ella dormiua, che il palco della camera, allargato vn certo instromento, le cascasse addoßo; il qual disegno, per non essere i consapeuoli molto segreti, venne a discoprirsi. Onde egli per consiglio di Aniceto suo liberto, et Capitano dell' armata di Mesino , fece fare vna naue; vna parte della quale, quando ella vi era dentro, per arte si affondasse, & s'affogasse in mare chi su vi fosse, o si veramente la camera, nella quale ella fosse, le rouinasse sopra. Mostrando adunque Nerone d'essersi rappacificato con la madre, la chiamò molto piaceuolmente, con farle intendere, che fosse contenta di andare a far le proßime feste chiamate Quinquatrie seco a Baia , doue egli alhora si trouaua & cosi ordmò co' padroni della galea, su la quale ella si haueua a condurre, che facessero dare il detto legno in terra, & lo spezzaßino in qualche modo incolpandone il temporale; & per aspettarla fece indugiare, & prolongare il conuito, ch'egli a fare haueua. Et volendosene ella tornare a starsi a vna sua villa chiamata Bauli, le fece dare in vezze della spezzata galea, quella, che da lui per far lo effetto era stata ordinata: et molto allegramente la venne accõpagnando: & nel fare la dipartenza le baciò ancora le poppe. Tacito nel quartodecimo libro scriue, ch'ella essendosi accorta dell'inganno, andò da Antio , oue ella era, a Baia in vna lettica: ma come fi fosse, ella montò su la naue ornattißima, & bene acconcia, & essendo menata la cena vn pezzo di notte in piaceuoli ragionamenti, preso Nerone da lei licenza con simulato pianto, ella su la naue andandosene, non hebbe fatto molto viaggio, che dato il segno, rouinò il coperto del luogo per il carico grande, che vi era del piombo, ma non hauendole fatto alcun male, per non essere a lei caduto adosso, fu piegata la naue da vn' lato, & sommersa. Et ella non essendo conosciuta, quantunque riceuesse vna ferita su vna spalla, nuotando, con l'aiuto d'alcune barchette de' Lucrini, se n' andò alla
suo

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer