Full text: Vico, Enea: LE IMAGINI DELLE DONNE AVGVSTE INTAGLIATE IN ISTAMPA DI RAME; CON LE VITE ET ISPOSITIONI DI ENEA VICO, SOPRA I RIVERSI DELLE LORO MEDAGLIE ANTICHE. LIBRO PRIMO.

206.

parte ad Agrippina ) che vuol dire vxor, cio è moglie, come di sopra s'è detto, del Diuo Claudio : CLAVD. NERONIS CAESAR. Quest' altra parte io la riferisco a Nerone , & vuol dire, Claudij Neronis Caesaris. Sarebbe nella
Note: Further links to external Census database:

  · Census ID10025771: »Aureus of Nero (Nero and Agrippina Minor / Elephant Carriage, RIC 6) (owner: F. De Medici) «
  · Census ID10025781: »Aureus of Nero (Nero and Agrippina Minor / Elephant Carriage, RIC 6)«

medaglia scritto CAESARIS, ma nell' antica moneta non è campo, perche le lettere sono molto serrate, & giungono alle teste de gli elefanti, & per il mancamento dello spatio, l'artefice fu forzato congiugnere la littera R. con l' A, se non voleua offendere le teste de gli animali. Ma sia qual si voglia delle due cagioni, che mouessero Nerone , & Agrippina a zeccare il carro nella moneta, non se ne ha altra testimonianza. Lo scettro, che tiene la figura posta a mano destra, con l' Aquila sopra, si chiamaua scipione, & era l'insegna, che vsauano i magistrati, & i Rettori delle prouincie, & con la quale gl'Imperadori trionfauano portandola in mano, mentre, che erano tirati sopra il carro trionfale: del quale scettro Isidoro nel libro dell'Etimologie fa mentione.

207.
IMAGINE DI NERONE , ET DI AGRIPPINA . Medaglia. VII.


    L'altra
Note: Further links to external Census database:

  · Census ID10025771: »Aureus of Nero (Nero and Agrippina Minor / Elephant Carriage, RIC 6) (owner: F. De Medici) «
  · Census ID10025781: »Aureus of Nero (Nero and Agrippina Minor / Elephant Carriage, RIC 6)«

medaglia con le due teste, & con iscrittione; CAES. AVG. GERM. IMP. TR. P. COS. PROC. cio è Caesar Augustus Germanicus Imperator Tribunitia potestate Consul, (qui resta tanto spatio corroso, che vi possono capire due lettere) Proconsul. L'anno seguente dopo l'adottione di Nerone essendo Consolo Claudio la quinta volta insieme con Sergio Cornelio Orfito, Nerone prese la toga virile, & fu gli conceduto, che potesse esser Consolo di venti anni, hauendone all'hora intorno a quattordeci, ma in quel mezzo fu disegnato, ch'egli hauesse la podestà Proconsolare fuor della città, si come haueuano i Cesari, & fu appellato Prencipe della Giouentù; di che scriuendo Tacito nel duodecimo libro, cosi dice: Ti. Claudio quintum, Ser. Cornelio Orfito Coß. virili toga Neroni maturata, quo capescendae Reip. habilis videretur. Et Caesar adulationibus Senatus ceßit, vt vicesimo aetatis anno Consulatum Nero iniret: atq; interim designatus Proconsulare Imperium extra vrbem haberet, ac Princeps Iu-

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer