Full text: Vico, Enea: LE IMAGINI DELLE DONNE AVGVSTE INTAGLIATE IN ISTAMPA DI RAME; CON LE VITE ET ISPOSITIONI DI ENEA VICO, SOPRA I RIVERSI DELLE LORO MEDAGLIE ANTICHE. LIBRO PRIMO.

177.

che il marito faceua guerra co' Germani: doue dice Plinio , che u'era vno altare, nel quale era scritto: PER IL PARTO DI AGRIPPINA . Partorì Giulia in Lesbo Isola , andando in Oriente con Germanico : si come scriue Suetonio nella vita di Caligula al titolo settimo, & ottano, & Tacito nel libro secondo.
    Trouandosi ella in compagnia di Germanico alla guerra contro à Germani, fu in grandißimo pericolo della vita, perche essendosi solleuato l'esercito della Germania bassa , fu forzata, accompagnata da poche donne, con Gaio in braccio, & grauida, fuggir nel paese de' Treueri , doue per la mirabile sua facondia, per la honesta fama, & per la grata memoria del padre Agrippa , & dell' auolo Augusto , fu molto accarezzata, & essendoui dimorata tutto il verno, partorì vna delle sopradette femine: benche i soldati vergognandosi di ciò, con molti prieghi facessero grand' istanza, ch'ella ritornasse all'esercito; si come narra Tacito nel primo. Poco dipoi nella medesima guerra, dopo la vittoria di Germanico , nel paese de' Cherusci , volendo alcuni seditiosi fare vn' ponte sopra il Reno e passare in Gallia , Agrippina , come donna di grande animo, vestendosi in que' giorni dell'armi del Capitano, prohibì cotal disordine, dando a' soldati & vesti, & da mangiare. Plinio (secondo che testifica Tacito nel primo) riferisce, ch'ella stette sul ponte armata, ringratiando, & lodando le legioni che ritornauano. Et dicono, che questo atto di Agrippina andò molto per l'animo a Tiberio , & lo tranagliò assai, non gli parendo cosa da far poca stima, che vna donna nell' esercito fosse stata di maggiore autorità, & possanza, che i Legati, & Capitani insieme; hauendo acquetata vna seditione di tanta importanza, che il Prencipe con l'auturità non pote acquetare, parendo a lui, che la donna impacciandosi ne' soldati, & facendo doni, & armando la persona volesse tentare, che Gaio fosse appellato Cesare, si come dice il medesimo Tacito nel primo.
    Essendo mandato Germanico dopo queste cose in Oriente , ella nel viaggio, partorì nell' Isola di Lesbo , Giulia, o vogliamo dire Liuilla, la quale fu l'ultimo suo parto; & peruenne in Soria , done per inganni di Gneo Pisone, & di Plancina sua moglie, essendole morto Germanico , & ella amalata, nauigò a Roma con le ceneri del marito in seno, & co' figliuoli. & hauendo nel viaggio rincontrato
M

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer