Full text: Vico, Enea: DISCORSI DI M. ENEA VICO PARMIGIANO, SOPRA LE MEDAGLIE DE GLI ANTICHI DIVISI IN DVE LIBRI.

126.

I ddio ci concederà tanto di uita, & presterà tanto di fortuna, che le poβiamo condurre a fine, tosto daremo in publico in intaglio di rame con la descrittione di tutta questa historia, & tutte le cose, che appartengono alla C astrametatione dichiarata, essendo gia principiata; & molto innanzi. E t benche detta C olonna da T raiano fosse rizzata in sua uita: dopo morte non dimeno sotto il detto basamento fu posta la cenere del corpo suo: & nella sommità di essa, una statua alla similitudine sua si uedeua. H ora perche questo fu l'ultimo honore, che gli fu dato, è ben da credere, che la nota delle T ribunitie podestà, cio è de gli anni, che esso regnò, non ci fusse posta falsamente, S i come uoi lettori esaminando giudicar potrete.

127.
CHE NELLE MEDAGLIE SI TROVANO PIV
luoghi fatti C olonie de' R omani, i quali nelle historie antiche non si leggono. C ap. II .


    MA DICIAMO hor de' luoghi, che non si leggono nel le historie, e che le medaglie antiche ci danno a conoscere. P iu città sono state fatte C olonie, e nobilitate dal nome R omano, di cui non se ne ha alcuna, o poca cognitione da gli scrittori antichi. N elle medaglie di rame di A ugusto , nel libro de'riuersi de' primi XII . C esari da me fatto e gia in luce ( di cui è stato autore l'honorato caualliere M. A nton Z antani ) a numero 32. a 38. e 42. D i T iberio a 12. D i V espesiano ancora: di A driano : di M. A urelio : di S euero : di G eta : di D iadumeniano : di A lessandro : di G ordiano : di F ilippo : di T reboniano G allo : e di G allieno , si ueggono descritte C olonie. L a sopredetta medaglie, che ha la C olonia di M. A urelio ( qual M. A urelio però egli si sia non ho bene ancora chiaro ) è degna di non poca consideratione. Q uesta è medaglia di rame antichiβima, & assai conseruata: nel diritto ha la imagine di una giouanetta di tenera età; la quale ha doppò le spalle una L una, la cui forma hanno solamente usate alle lor donne quegli antichi piu posteriori, le lettere della quale, dal lato della effigie sono, ANNIA FAVSTINA , il restante delle lettere, che seguono, è corroso per l'antichità, si, che leggere non si possono. D alla parte riuersa, ha il medesimo segno d'un carro, che in una medaglia di C aracalla ho ueduto della istessa grãdezza, e con quelle lettere a punto, COL. AVR. PIA METROP . E tanto nella maniera dell'arte sono le dette medaglie simili, che da una sola mano dimostrano esser fatte: ma di questo io ne lascio il giudicio libero a ciascuno.

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer