Full text: Vico, Enea: DISCORSI DI M. ENEA VICO PARMIGIANO, SOPRA LE MEDAGLIE DE GLI ANTICHI DIVISI IN DVE LIBRI.

116.

nella moneta cosi di rame, come di argento, e d'oro, col nome d' I mperadore, di C esare, di A ugusto congiunti con la possanza T ribunitia, e col nome di P adre della patria, nello scritto posto attorno della sua imagine, dal lato della medaglia, che si chiama il diritto, e per i C onsolati che ui si leggono, si truoua hauer regnato il detto N erua piu di uentisette mesi, e toccato, per il meno, de gli uinti otto. P er il S imulacro della L ibertà publica nelle sue medaglie, è confermato: per quello della sua F ortuna : dell' E quità sua: della D ea C opia : di R oma R enascente: per l' V bidienza de gli eserciti: per la C orona di alloro: per il C ongiario: per il F rumento constituito alla plebe: per le C alunnie leuate: per la D esignatione dell' I mperio a T raiano , in quella parte, che si nomina riuerso: e per quello, che i detti autori ( inauedutamente ) confermano, scriuendo N erua assunto alla I mperiale M aiestà, queste cose hauer fatte, si puo, come si dice, toccare con mano, il tempo da loro assegnatoli, portar seco errore. Q uesto si proua in tal modo. N erua fu quattro uolte C onsolo; C aβiodoro , e C uspiniano lo affermano, niuno lo niega, e le medaglie lo dimostrano: perche la inscrittione delle medaglie di questo I mperadore nel secondo libro da me disegnato, ma non dato in luce, a numero 19. & 20. nella parte di R eligione, che è la prima, leggendosi cosi. IMP. II. COS. IIII. P. P . D inota che N erua fu quattro uolte C onsolo, e nel suo secondo C onsolato era I mperadore: non di quel nome dico, che anticamente si soleua dare a' grandi C apitani de gli eserciti, ( perche furono di due sorti I mperadori ) ma di quello, che significaua tutta la M onarchia, e possanza R omana, si come seguendo piu oltre si dirà. Q uesto è dichiarato ancora da quattro altri riuersi nella parte pur detta; da due nella parte che appartiene alla M ilitia, che è la seconda, e da altre tante nella terza, la qual appartiene alle cose V rbane nel medesimo libro; benche i sopradetti dicono, che il primo C onsolato, il secondo, & il terzo sotto D omitiano da N erua fu esercitato, ilche se fosse uero, forse potria cascare, che il tempo ascrittogli da loro de' sedici medsi, fosse conueniente: M a perche si ueggono i due C onsolati nelle monete sue, si rifiuta l'openione di questi.
   D ella terza sua dignità C onsolare, essendo detto N erua P rencipe del R omano I mperio, col testimonio di sei medaglie nella prima parte del secondo libro de' riuersi, nelle seconda di due, e di tre nella terza, si proua; percioche di questa la scrittura è tale, IMP. NERVA CAES. AVG. P. M. TR. POT. COS. III. P. P .
   I l nome di C esare riceuuto prima da O ttauiano dal nome di G iulio C e-

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer