Full text: Vico, Enea: DISCORSI DI M. ENEA VICO PARMIGIANO, SOPRA LE MEDAGLIE DE GLI ANTICHI DIVISI IN DVE LIBRI.

69.

gare a C aronte il passo della palude S tigia ; della quale fa mentione A puleio nell' A sino d'oro nella fauola di P siche, L uciano nel D ialogo di C aronte , A ristofane & P lutarco ne' C ollettanei. & questa da C allimaco , & da P lut. è chiamato nummo funebre. A ltri segni dalle istesse, & da altre città furono fatti; che uolergli in parole tutti dimostrare, troppo lunga impresa sarebbe, & da non uenire cosi tosto a capo, & non senza grandiβima fatica de' legenti, ma ad altro tempo, con l'aiuto, di colui, che da principio, & luce a tutte le cose, ci riserbiamo fargli uedere tutti in disegno stampati con molta uarietà, copia, & diligenza fatti.

70.
DELLE MONETE ROMANE DI RAME ,
d' A rgento, e cosi di quelle d' O ro. C ap. XIX .


   I ROMANI segnarono la moneta di R ame con I ano di due uisi da un lato, dall'altro una prua di naue, e fu la prima moneta, che si battesse nel L atio. M a da S eruio R e fu poi segnata con la impronta del B ue, e della P ecora. L a significatione delle quali piu di sopra è dichiarata. L' anno poi dalla edificatione della città cinquecento ottantacinque, secondo P linio nel lib. 33. cap. 3. ouero secondo la computatione di C uspiniano , nel lib. de' C onsoli, facie. 444. segnarono l'argento, essendo C onsolo Q. F abio P ittore , cinque anni innanzi la prima guerra C arthaginese. M a E utropio nel secondo delle historie scriue, nell'anno 483. che fu, secondo E usebio C esariense nella O limpiade 127. essendo stato posto il segno all'oro sessantadue anni dopo l'argento cogniato. L a nota ueramente dell'argento, come dice P linio al sopradetto luogo, fu un carro con due caualli, e con quattro caualli, chiamati B ige, e Q uadrige, si come dimostrano le istesse medaglie, non di quattro ruote, come P olidoro V irgilio scrisse al libro secondo, cap. 20. & altri. E di qui furono detti B igati, o Q uadrigati. I B igati dall'altro lato haueuano una V ittoria , e cosi i Q uadrigati, onde furon ancora chiamati V ittoriati; e di questo segno scriue medesimamente P linio al 33. H ebbero parimente i B igati al tempo de' C onsoli, oltre la effigie d'una V ittoria , la imagine di D iana , di C ibele , della D ea M oneta , o d'altro D io. I quadrigati similmente oltre la V ittoria , hebbero, il uolto di G ioue , di N ettuno , di A pollo , e di R oma , la cui effigie è nella maggior parte delle monete de' C onsoli. V i furono ancora bige di due C erui, e di due B ecchi, dall'altra parte hauendo la imagine di R oma . L o segnarono parimente con la forma d'un carro da tre caualli tirato,

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer