Full text: Vico, Enea: DISCORSI DI M. ENEA VICO PARMIGIANO, SOPRA LE MEDAGLIE DE GLI ANTICHI DIVISI IN DVE LIBRI.

59.

sieme, come in larga forma di pigna fondendosi, si mescolarono insieme talmente, che come dicono, rame, ottone, argento, & oro, correndo per diuersi riui, essendo i uarij metalli per diuersi unire insieme, il caso fece si, che compiutamente non potendosi mescolare, rimase la commistione loro imperfetta, si come al presente in dette medaglie si uede; impedita, come io penso, dal mancare in quel punto la uiolenza del gran calore necessario alla perfettione di tale effetto, che per auuentura non diede tempo alla piena mescolanza de'metalli. D i cosi fatto accidente, e di questo rame, cosi scriue F loro nel secondo, al cap. sestodecimo. Q uid Signorum? quid'uestium? quid ue tabularum raptum, incensum, atque proiectum est? Q uantas opes & abstulerit, & cremauerit, hinc scias; quòd quicquid C orinthij aeris toto orbe laudatur, incendio superfuiβe comperimus. N am & aeris notam preciosiorem ipsa opulentiβimae urbis fecit iniuria; quia incendio perustis plurimis statuis, atque simulacris, aeris, auri, argentiq́; uenae in commune fluxere. E P linio nel libro trentaquattro parlando de' generi del metallo C orinthio, dice; T ertium, in quo aequalis temperies, omnium fuit C orinthium, hoc aes casus miscuit. E nel trentasette al cap. terzo scriue. N e' uasi C orinthij piace il rame mescolato con l'oro, e con l'argento. N e'uasi scolpiti diletta l'arte, e gl'ingegni. D i questo da gl'Imperadori T iberio , C aligula , & C laudio , per maggior grandezza furono fatte monete. N elle medaglie di A ugusto , quella, che ha la sua statua a sedere con lettere CONSENSV SENAT. ET EQ. ORDIN. P. Q. R . di T iberio , si uede fatta di questo metallo mischiato quella, che ha la effigie della D ea P ietà , della D ea G iustitia , della D ea salute , & il bel tempio ( come io stimo ) di A ugusto fatto da T iberio in N ola città di C ampagna ; quella che ha il tempio con le due uittorie, dedicato da gli A siani a T iberio , per hauere egli edificato loro tredici città rouinate per adietro da un grandiβimo tremuoto, con la statua postagli per questo; laquale è parimente scolpita in medaglia di C orinthio mischio, con lettere CIVITATIBVS ASIAE RESTITVTIS . Q uella, doue è la statua del D iuo A ugusto postagli nel tempio suo, con un ramo di quercia in mano, dinotandolo S aluatore della patria, e con iscritione, DIVVS AVGVSTYS PATER . Q uella, doue sono espreβi i due corni di D ouitia , con le imagini di D ruso , e di N erone C esario ( o uero de' due D rusi suoi figliuoli ) Q uella, doue sta la carretta ( da L atini detta C arpento ) di G iulia con le mule, cioè di L iuia , cosi chiamata per esser entrata nella gente I ulia, come quella che fu annouerata nel testamẽto di A ugusto , si come racconta T ranquillo nel fine della uita di A ugusto .

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer