Full text: Vico, Enea: DISCORSI DI M. ENEA VICO PARMIGIANO, SOPRA LE MEDAGLIE DE GLI ANTICHI DIVISI IN DVE LIBRI.

54.

lamente significa i danari, ma ancora ogni patrimonio; cosi χρήματα appo i G reci non solo numisinata sono dette, ma come scriue A ristotile , ogni cosa, che col danaio si paga, che in latino si dice nummo.
   I l terzo uocabolo G reco delle monete antiche, è κέρμα, col quale si uede da i G reci la minutaglia de i danari essere stata nomata. E t hoggi tutte le monete antiche in cambio di questi sei uocabuli, G reci, e L atini, sono in parlare I taliano nomate medaglie: ilqual uocabulo non è antico, ma posto da moderni, tratto dalla materia, di che elle sono fatte, mutata la lettera, t, (come uogliono àlcuni) nella lettera, d, accioche il suono della uoce uscisse piu dolce; di metaglie, le dissero medaglie.

55.
MATERIE DIVERSE, DI CHE SI FECERO LE monete appresso gli antichi. C ap. VI.


    LE MATERIE , di che esse medaglie' si formaro, furono diuerse, secondo i tempi, e secondo le poβibilità de' P rencipi, e delle R epubliche. A lcune di lama d'oro, o di lama d'argento, altre di rame, di oricalco, o uer di ottone, di lama di ferro, di piombo, o di stagno. A ncora di pezzi di corame fatte, o uero di legno; e le piu di rotonda forma, & alcune di quadrata. A ncora di rame con coperta di puro argento, di rame inargentate a fuoco; d'oro con argento mescolato, o uero con oricalco: & d'argento mescolato con rame. Q uelle di rame schietto furono di quattro sorti, di rosso, di bianco, di giallo; e di C orinthio mischiato di pezzi gialli, e pezzi roβi a modo di opera commessa, perche del C orinthio piu furono i generi del rame, A utor P linio , di candido piombo, & alcuni di sale.
   D i fin'oro segnò D ario R e de P ersi. D' argento puro A riande, il qual fu fatto presetto dell' E gitto da C ambise . M a chi d'oro, e chi d'argento; chi di rame, e di oricalco segnato habbia monete, lungo sarebbe a dire; perche quasi ogni P rencipe, & ogni R epublica ha fato questo, ma chi d'oro di minor bontà e chi con piu fino.
   D i ferro usarono moneta quei della città di B isantio, hora C ostantinopoli , e cosi gli S partani, di gran peso, ma di poca ualuta; lauorati per forza d'aceto, si come al decimo dell'antiche lettioni, & cap. secondo, scriue C elio R hodigino . L igurgo, secondo che dicono alcuni, fu del danaio di ferro a gli S partani inuentore. D i questa sorte fa mentione A ristotele nel secondo dell' E conomica, & anco di que' di stagno, e di bronzo.

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer