Full text: Augustin, Antonio: DIALOGHI DI DON ANTONIO AGOSTINI ARCIVESCOVO DI TARRACONA INTORNO ALLE MEDAGLIE INSCRITTIONI ET ALTRE ANTICHITA TRADOTTI DI LINGVA SPAGNVOLA IN ITALIANA DA DIONIGI OTTAVIANO SADA & dal medesimo accresciuti con diuerse' annotationi, & illustrati con 36 disegni di molte Medaglie. & d'altre figure'.

398.

sempre falsa, & hò trouato degli huomini, che non solamente la teneuano per verissima, ma affermauano d'hauerla letta essi medesimi nella stessa pietra, doue era scritta. Vi domando hora, che cosa hareite voi risposto loro?
   B. O'V.S. gli teneua per huomini degni di fede, o nò?
   A. Io non solamente gli haueua per huomini degni di fede, ma per letterati.
   B. In tal caso V. S. doueua mutarsi di parere, che quella inscrittione fosse falsa, & render loro gratie, che l'hauessero sgannata.
   A. Io non feci cotesto, anzi dissi loro che non era possibile, che quella in scrittione fosse antica.
   B. Cotesto era un dir, che essi non diceuano la verità, & vn volergli per nemici.
   A. In Roma fra gli huomini di lettere si tratta molto dolcemente, & non vi s'vsa l'andare in collera, come quì s'vsa. Io diedi loro conto de'dubbij, che io haueua in quella inscrittione, mostrando come io la teneua per cosa finta, si per rispetto di quello, che si conteneua in essa si ancora per le parole sue: ma iui a pochi mesi tornaudo io d'Alemagna à Roma , feci il camino di Bologna per la via di Romagna, & arriuato appresso à Cesena , passai il fiume Rubicone tanto famoso per quello, che vi fece Cesare , & vidi vna pietra molto antica intagliata con alcune lettere da due parti, & quello, che era in vna parte, era quello stesso, che io affermaua non essere opera antica.
   B. V.S. si douette trouar subito ingannata in non hauer prestato fede à coloro, che l'haueuano veduta.
   A. Anzi l'inganno fù pure illoro in tener per antico quello, che era moderno.
   B. O'non disse V.S. poco fà, che la pietra era antica?
   A. Antichissima, ma auuertite, che io intendo della pietra, & non dell'inscrittione di essa, almeno quanto a vna parte, che ancorche in altri tempi seruisse da vn canto per epitafio di alcun soldato, & quelle lettere mostrino grande antichita, tuttauia nella medesima pietra dalla parte di dietro si vede intagliato con caratteri assai moderni vn diuieto, che niun Capitano, nè soldato sia ardito, come fu Giulio Cesare , à passare il Rubicone , il quale diuideua la Gallia , dalla Italia .
   B. Non potrebbe egli esser vero, che si fosse fatto quel diuieto?
   A. Ne farebbe mentione qualche auttore; & poi, egli non era necessario, che si facesse mettere in quel luogo, percioche già sapeuano tutti, che niuno poteua vscire con essercito fuor della sua prouincia, & Cesare sapeua, che passando il Rubicone con gente armata, sarebbe caduto nelle pene delle leggi, che questo vietauano, & perciò si fermò quiui, & risolutosi di passare disse: Iacta est alea; come chi fà del resto con pochi punti.
   B. Come comincia cotesta inscrittione?
   A. IVSSV MANDATVVE. P. R. COS. IMP. MILI. TYRO. COMMILITO &c. Cosi la pone Aldo il minore nella seconda impressione della sua Ortografia, & s'imagina di prouar con essa, che Tyro s'habbia a scriuer cõ la Y, & forse nella prima cercò con la medesima inscrittione di prouar, che si doueua scriuere con la I, & quantunque si soglia dire, che i secondi pensieri sono migliori de'primi, nondimeno questa volta più sano consiglio era il restarsi con la prima ortografia, & confermarla co'Digesti Fiorentini, ne'quali si truoua scritto Aemilius Tiro, nel Titolo, De effractorib.
   B. Se la inscrittione è moderna, non occorre farci sù fondamento.
   A. Egli dice, che la vide, & che era vno editto antichissimo, & che la cauò dall'originale, nè lascia ancora di metterci l'anno.
   B. Io Per me sarei facilmente restato ingannato, percioche trattando questa
Oo inscrit-

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer