Full text: Augustin, Antonio: DIALOGHI DI DON ANTONIO AGOSTINI ARCIVESCOVO DI TARRACONA INTORNO ALLE MEDAGLIE INSCRITTIONI ET ALTRE ANTICHITA TRADOTTI DI LINGVA SPAGNVOLA IN ITALIANA DA DIONIGI OTTAVIANO SADA & dal medesimo accresciuti con diuerse' annotationi, & illustrati con 36 disegni di molte Medaglie. & d'altre figure'.

362.

Abaco, & seruiua per contare. Et vi son queste figure. I. X. C. ∞. ccIↄↄ. cccIↄↄↄ. † .X. †.
   B. In cotesta tauola mancanole note del V. del L del Ɖ & d'altri numeri.
   A. Egli è vero, ma io le cauo da altri libri, & da molte inscrittioni.
   B. Come si pruoua egli, che non hauessero altre cifre fuor che fin a cento mila, & che poi mettessero la stessa cifra due volte, ò quante era necessaria?
   A. Si pruoua per l'autorità di Plinio , il qual dice, che i Romani non sapeuano contare senon fin'a centomila.
   B. Oh, cotesto non è egli falso: poi che diceuano decies, che era vn millione?
   A. Decies, ò deciens non è più che dieci volte, ma diceuasi per vn millione deciens centena millia; ancor che per abbreuiare, diceuano deciens centena, & deciens. Dimaniera, che colui, che dice dieci volte cento mila, è segno, che non sa contare più là di centomila, senza ridire centomila.
   B. Hora l'intendo bene.
   A. Si pruoua meglio con l'essempio della inscrittione della colonna di Caio Duilio doue torna à porre questa cifra di centomila molte volte, che se hauessero hauuta l'altra del decies, o deciens, se ne sarebbono seruiti.
   B. A dir due, tre, quattro, cinque, & piu millioni, come li figurauano, & diceuano gli antichi?
   A. In questo modo,
I XX I. Viciens. due millioni.
I XXX I. Triciens. tre millioni.

   Et così gli altri di mano in mano. Ma torniamo alla nostra inscrittione.
   B. Piu breue modo di numarare è il nostro. Ma dicami V.S. perche alla D si aggiunge vna virgola per dir cinquecento?
   A. Per che non si confonda con le parole, o si pigli per vn'prenome, nel quale errore cadono molti.
   B. Quale è cotesto prenome?
   A. D. Silanus si truoua scritto, & molti lo leggono Decius Silanus, douendo dire Decimus, percioche Decius non è prenome, ma nome di vna famiglia, della quale furono i tre Decij, che morirono per la lor republica, & vi e vn luogo nel libro terzo ad Herennium, doue dice, che chi si vuol ricordare di vna cosa, che sia la decima s'imagini vn'huomo, che egli conosca, il cui prenome sia Decimo.
   C. In Ser. Galba hò veduto errar molti, che lo chiamano Sergio, per Seruio.
   A. La famiglia Sergia fù molto antica, & vien da Sergesto, del quale fa mentione Virgilio , & di essa fu Lucio Catilina . Galba era della famiglia Sulpitia, della quale fù il nostro Seruio Sulpitio Giurisconsulto , & io hò alcune medaglie nelle quali è SER. SVLP. GALBA.
Figure
Type: drawing

   B. Quanto varrebbono della nostra moneta cotesti settemila, & cinquecento denari?
A. Se ogni

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer