Full text: Augustin, Antonio: DIALOGHI DI DON ANTONIO AGOSTINI ARCIVESCOVO DI TARRACONA INTORNO ALLE MEDAGLIE INSCRITTIONI ET ALTRE ANTICHITA TRADOTTI DI LINGVA SPAGNVOLA IN ITALIANA DA DIONIGI OTTAVIANO SADA & dal medesimo accresciuti con diuerse' annotationi, & illustrati con 36 disegni di molte Medaglie. & d'altre figure'.

344.

   In quelle d'oro de' Goti si truouano alcune di diuersi Re, la prima si è quella del Catolico Re Reccaredo , con vna testa per ogni lato, & queste lettere, † RECCAREDVS REX. & nel rouescio, † EMERITA VICTOR. Se ne truoua vn'altra del Re Sisebuto con l'istesse effigie, & con lettere, che dicono da vn lato, † SISEBVTVS RE. & dall'altro † EMERETA PIVS. mettendo la E per la I. In vn'altra del Re Reccesuintho è da vna parte vna testa & dall'altra vna croce con certi scaloni, & le lettere, doue si vede la testa dicono, † RECCESVINΘVS [?] . & quelle, doue è la croce, EMERITA PIVS. In vn'altra d' Eruigio si vede lo stesso rouescio, & le stesse lettere, ma la testa è di quelle che somigliano più a vrne, o Idrie, che a teste humane, & hà questa inscrittione, † I. DINMN ERVIGIVS [?] . che vogliano dire, In Dei Nomine Eruigius Rex. In vn'altra di Vuitizza è lo stesso rouescio, & la testa è vn poco di miglior maestro con questa inscrittione, † IND. N. M. VVITTIZA [?] . che significano In Dei nomine Vuittiza Rex. Veniamo hora a quelle
Note: Further links to external Census database:

  · Census ID10065916: »Bronze coin of Ebora (Augustus / Legend in wreath, RPC I 51)«

d' Euora , delle quali non hò veduto se non vna fatta innanzi ai Re Goti, la qualè di rame, di peso di meza oncia: hà da vn lato la testa d' Augusto con queste lettere PERM. CAES. AVG. P.M. che vogliono significare Permissione Caesaris Augusti Pontisieis Maximi. Dall'altro è vna corona d'alloro grande con lettere, che dicono LIBERALITATIS. IVLIAE. EBOR. con le quali si conferma il sopranome che Plinio dà a questa città, Liberalitatis Iulia. De' Goti ne hò alcune, & in esse si vede questa parola ELVORA, che non sò se sia messa per errore, o per scrittura antica. In vna del Re Leouigildo son disegnate due teste vna per parte, come si vede in altre, & questa inscrittione † LEOVIGILDVS REX. & dall'altra è † TOS ELVORA IVS. mettendo in due parti il nome di IVSTOS, & mettendo in vece della V la O, & cosi anco in vn'altra di Reccaredo sono le stesse cose disegnate in ambe due le parte con certe lettere che dicono, † RECCAREPVS RE. mettendo la P per la D, come parlando d'altre habbiamo detto, & dall'altra parte, † TOS ELVOIAIVS.
Figure
Type: drawing

Note: Legend:
Coin drawings starting from upper left:

1. Census ID 10065916: »Bronze coin of Ebora (Augustus / Legend in wreath, RPC I 51)«
2. Coin not classified yet.
3. Coin not classified yet.

   B. Non harei mai indouinato cotesto: ma desidero assai ch'ella mi dica i tempi, & l'ordine di tutti i Re de' Goti , & se si truouano di loro alcune medaglie fatte per mano di buoni maestri.
   A. Già vi hò detto molte volte, come tutte queste medaglie non sono di mano di Fra Bastiano del Piombo , nè di Valerio Vicentino , nè di Iacopo di Trezzo che voi conoscete.
   C. Chi sono cotesti che V.S. loda?
   A. I più eccellenti maestri, che a'nostri tempi siano stati, & Fra Bastiano , oltre all' officio che haueua di fare piombi delle Bolle a tempo di Papa Paolo terzo , era vnico nella pittura. Del Valerio si truouano molte tauole di piombo, & d'altri metalli diuerse historie di deuotione, & d'alcune cose profane; &
anco

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer