Full text: Augustin, Antonio: DIALOGHI DI DON ANTONIO AGOSTINI ARCIVESCOVO DI TARRACONA INTORNO ALLE MEDAGLIE INSCRITTIONI ET ALTRE ANTICHITA TRADOTTI DI LINGVA SPAGNVOLA IN ITALIANA DA DIONIGI OTTAVIANO SADA & dal medesimo accresciuti con diuerse' annotationi, & illustrati con 36 disegni di molte Medaglie. & d'altre figure'.

294.

Egitto . Le medaglie son di rame di peso di tre, o quattro drãme. E da credere che dapoi che s'hebbe questa vittoria, fusse fatta la colonia, & le medaglie.
   B. Non ci mãca chi dice che DIVI.F. voglia dire Diui Fratres, che sono Marco Aurelio , & Lucio Vero , & che essi siano que' duoi di quella medaglia, i quali facessero vna colonia in Egitto di gente di Nimes , come appare per il coccodrillo.
   A. Non accade perder tẽpo à ribattere cotesta opinione, ma solamente mostrar le medaglie
Note: Further links to external Census database:

  · Census ID10036075: »Denarius of Augustus / Crocodile (RIC 545)«

, & inscrittioni di Cesare Augusto , nelle quali è DIVI. F. cioè Diui Filius, & il coccodrillo con le parole, AEGVPTO. CAPTA.
Figure
Type: drawing

Note: Legend:
Coin drawings starting from upper left:

1. Census ID 10036075: »Denarius of Augustus / Crocodile (RIC 545)«
2. Census ID 10018080: »As of Augustus (Octavian and Agrippa / Crocodile, RIC 159; Bronze Coin of Nemausus RPC I 525)«
2. Census ID 10018121: »Dupondius of Augustus (Octavian and Agrippa / Crocodile, RIC 154)«

   C. Voglio vincer io questo palio. Le lettere COL. NEM. hò letto in vn libro stampato, doue è l'impresa del coccodrillo legato con vna catena a vna palma, che voglion dire, Colligauit nemo.
   B. Oh come douette rimaner contento colui che s'immaginò cotesto sproposito: poi che lo stampò.
   A. Della terza città di Francia si truouano medaglie d'oro dei Re Gotti. Ella fù colonia de' Romani nominata Narbo Martius, che hoggidi la chiamiamo Narbona : & così si truoua nelle medaglie in lingua Barbara, come Tarracona , & Barcinona . & anco i Gotti fecero, che quella che era detta Gallia Narbonense, si chiamasse Gallia Gottica. Vna medaglia v'è di Chindasuindo , doue sono due teste mal disegnate, vna per banda, con queste parole † CHIND: SVID. RE, in vece di Chindasuindus Rex. dall'altra banda è scrito † NARBONA. PS
   B. Che vuol dire cotesta cifra?
   A. PIVS, & è sopranome del Re. & come in quelle de gli vltimi Imperadori è, Pius, Felix, Triumphator, così in queste de' Gotti era, Pius, Iustus, Victor. In vn'altra di Egiza è vna testa, che si assomiglia a vn'vrna, ò hidria, con queste lettere, I.D.N.M.N.EGICA. [?] . che vi sono in vece di, In Dei nomine Egica Rex. nel rouescio è vna croce con certi gradi, & queste lettere, NARBONA PIVS. Nello stesso modo in vn'altra di Eruigio è il medesimo rouescio, & le medesime lettere, & la testa par che habbia appresso di se vna croce, con queste lettere, † I.D.N.M.N. ERVIGIVS [?] . Per queste medaglie si crede, che questi Re fussero signori di Narbona :& così gli Arciuescoui di Narbona con li Vescoui suffraganei veniuano in Spagna a i Concilij di Toledo . Vn'altra medaglia d'oro mi dimenticaua di due Re de' Gotti, Egiza , & Vitiza, nella quale sono due faccie che si guardano, con vna croce in mezo, con queste lettere, I.D.I:M.N.EGICA PE, che voglion dire, In Dei nomine Egica Rex. dall' altra banda sono cinque lettere in croce, che dicono, NARBO, & intorno v'è scritto, † VVITTIZAN: R. Questi furono gl'ultimi Re de' Gotti, il padre, & il figliuolo: & questo Vitiza fù scacciato del Regno dal Re don Roderico , in cui hebbero tutti fine.
   B. Perche dice V. S. Egiza, trouandosi nelle medaglie, Egica?
   A. Perche seguito i libri scritti in lingua Castigliana, oltre che nelle medaglie si vede come lo scriueuano in Latino.
B. Non

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer