Full text: Angeloni, Francesco: LA HISTORIA AVGVSTA DA Giulio Cesare infino à Costantino il Magno

423.

mo
   5. palco, e bcn ornato; sopra di cui stanno sedenti li tre Imperadori Pupieno, Balbino, e Gordiano, con vno in piedi, che dimostra esserui per guardia, e dall'vn lato la Dea Liberalità, e vi sale pet gradi, vno del Popolo, che và a prendere il Congiario, leggendouisi: LIBERALITAS AVGVSTORVM. S. C.
   Stampò il Senato a Balbino la medaglia, co'l Genio del Senato, descritto altroue, con lettere: P. M. TR. P. COS. II. P. P. S. C.
   Fù honorato Balbino de' segnali della vittoria conseguita de' Massimini in medaglia, con testa, c lettere, come disopra: vedendouisi la Vittoria, che porgendo con la destra vna Corona, tiene con la sinistra la palma, e vi si legge: VIGTORIA AVGG. S. C. rappresenta altroue.
   Tornato Pupieno in Roma, mostrò dispiacere Balbino de' grandi honori fattigli dal Senato: parendo, che le cose operate non ne richiedessero tanti, e che a lui molti più se ne douessero, per essersi trouato nelle grandissime commotioni seguite sra' Soldati, e'l Popolo; nondimeno fù co'l fanciullo Gordiano, e co'l Senato, ad incontrarlo; entrarono tutti in Roma a guisa di Trionfanti. Ma vditesi da' Soldati le acclamationi fatte dal Popolo, ai due Imperadori eletti dal Senato, e che le elettioni de gli eserciti veniuano dannate, se ne mossero ad ira, quantunque la dissimulassero: nondimeno mentre i due Principi gouernauano ottimamente l'Imperio, e che Pupieno andaua disponendo il passar suo contra i Parti, e Balbino contra i Germani, e che Gordiano si restasse alla residenza in Roma. Nè bastando tal volta la sicurezza, e la confidenza, che dall'operar bene può recare la propria conscienza: già che spesso auuiene, che molte cose s'imprendono a fare da altri in contrario, e fuori di ragione; nelle quali non hà in tal caso suo luogo la speranza nella giustitia, o nella verità di esse, e quindi conuenga lo starsi apparecchiati a sostenere etiandio quello, che è ingiustissimo: secondo incontrò delli presenti due Imperadori; che operando dirittamẽte in prò del publico, e dell'Imperio, commossi i Soldati, non dalla ragione, ma dalla rabbia delle cose già dette, entrati vn giorno d'improuiso nel Palagio Imperiale, e presi li buoni vecchi, e spogliategli delle Insegne, e de gli habiti Imperatorij, pelando loro la testa, e la barba, per mezo la Città, schernendoli, a gli alloggiamenti li conduceuano, gridando: Questi sono gl'Imperadori Senatorij. Ma inteso, che li Soldati Germani si erano mossi in prò de' Principi, temendo di non esser da quelli sopraggiunti, gli vccisero: lasciando nella strada i cadaueri. Cotal fine hebbero li due buoni, e Virtuosi Imperadori, che l'Imperio, con gran rettitudine, per vn anno amministrarono.
Gordiano

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer