Full text: Angeloni, Francesco: LA HISTORIA AVGVSTA DA Giulio Cesare infino à Costantino il Magno

298.

che anche da lei deriui la Nobiltà; E nel vero, che l'armi, e le lettere sono quelle, che cagionano la vera Nobiltà; e coloro, che per via di tali mezi, ne fanno acquisto, possono essere stimati nobilissimi, e degni di grande honore. Ma io temo, che la lode suddetta della Nobiltà in Commodo gl'incontrasse per sola adulatione; perche quantunque egli nascesse d'Imperadrice, hebbe nondimeno dubbio il Padre; e se alla Nobiltà richiedono la virtù, e le ricchezze, l'vna come fondamento dell'opere egregie, che si attendono da gli huomini nobili, e l'altre per lo splendore, che dà luce, e fà apparire gli effetti della virtù; hebbe Commodo in abbondanza le ricchezze, mentre divn grandissimo Imperio disponeua: ma la virtù appartenente ad Imperadore, & a persona di vera Nobiltà dotata, non hebbe già egli: onde può concludersi, che per fine di sem plice adulatione, così fatto honore gli fosse attribuito, come pure incontrò de gli altri a lui de cretati dal Senato.
   Ribellaronsi alcune Prouincie a Commodo: ma egli per via de'Capitani le sottomise di nuouo al suo Imperio; e l'vna potè essere, per auuentura, la Brettagna: la onde decretò il Se
   20. nato la medaglia, con testa, e lettere: M. COMMODVS ANT ON INVS PIVS BRIT., & vna gran Vittoria alata, che sopra alcuni scudi sedendo, ne sostiene vno con la sinistra posato sù le ginocchia, mentre stringe la palma con la destra, e vi si legge: COS. IIII. P.P. VICTORIA. S. C.
   Per simil fine, o che sosse adulatione, o che l'Imperadore parlamentasse all'esercito, quãdo lo spedì a cotale Impresa, e che ne prendesse la fede, vi è la medagìia con testa laureata
   21. & inscrittione: COMMODVS ANT. PIVS FELIX AVG. BR I T. e l'Imperadore armato, con l'habito militare, che portauasi disopra, come si fà de'Cappotti, o de'Feltri, detto; Paludamento: stringe nella sinistra lo scettro, e parla da vn luogo rileuato all'esercito, rappresentato in quattro Soldati armati, che con l'Insegne nelle mani lo ascoltano, e vi sileg ge: P. M. TR. P. XII. IMP. VIII. COS. V. P. P. FIDES EXERCIT. S. C.
   Non sò se volesse il Senato mostrare, che Commodo veramente trionfasse d elle vittorie ottenute per via de'Capitani, o se lo volle adulare: questo è almen certo, che in medaglia con testa, e lettere descritte, stà vn Carro, sopra il quale Commodo trionfa, tenendo le redini di quattro Destrieri, e vi si legge: COS. V. P. P. S. C. Di così fatti Carri, si sono figurati altroue, & in Commodo medesimo.
   Si volle facilmente dare a vedere, che per cagione delle guerre terminate, e delle vittorie conseguite da Commodo, si era per la Republica, e per l'Imperio tratto il frutto della pace; inentre ciò pare, che si raccolga nel rouescio di medaglia con testa, e lettere descritte,
   22. e'l simulacro di Giano bifronte sù la porta di vn Tempio in piedi, appoggiato con la destra ad vn'hasta, e tali note IMP. II. TR. P. II. COS. V. P.P. S.C. Fù Giano chiamato Dio di Pace, e dell'honesto, e regolato viuere; e tutto ciò si vede eseguire nelle Città; le quali non molestate da' fieri incendij di guerra, si godono la buona, e la tranquilla pace, che appunto annuntiaua a sè stesso il Senato nell'Imperio di Commodo.
   Nella Tribunicia Potestà dodicesima furono sciolti i Vori Decennali per la salute publica, o de gl'Imperadori, o della Città; e se ne serba la memoria in medaglia con testa,
   23. e lettere: M. COM. ANT. P. FELIX AVG. BR IT. & vna figura in piedi appresso divn Ara, con sua vittima, che in habito Sacerdotale, con la l'atera nella destra, vi sacrifica, leggendouisi: VOTA SOL. DECEN. cioè Vota Soluta Decennalia. P. M. TR. P. XII. COS. V. P. P. S. C. Intorno a che si dirà di vantaggio poco appresso per l'occorrenza di altra simil medaglia.
Con

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer