Full text: Angeloni, Francesco: LA HISTORIA AVGVSTA DA Giulio Cesare infino à Costantino il Magno

240.

purgata, e sottile parte del fuoco, e però di materia chiara, e penetrante, liquefanno mirabilmente le spade ne'foderi senza lesione del corame: asciuttano il vino nelle Botti senza offendere il legno, e cose simili. Di questi auuenta Minerua, e se ne valse, bruciando l'armata de'Greci. Il nero hauendo più dell'humido, e del rosso tinge solamente; e Volcano l'adoperaua: la onde ferendo i fulmini di così fatta guisa in tre modi, si vedono però scolpiti con tre punte, come lo dimostra il disegno di essi rappresentato in Augusto: ma il fulmine attribuito a gl'Imperadori, significa ancora la suprema autorità, e l'Imperio loro.
   Non truouo rincontro del Rè, che diede Antonino a gli Armeni, quando però non seguì all'hora, che gli liberò dall'assedio de'Parti: ma comunque sia, vedesi la medaglia con testa laureata, e scrittura tale: ANTONINVS AVG. PIVS PATER P. la quale parola Pater,
   15. così distesa, hò notata per rara: seguita: TR. P. COS .III. Contiene nel rouescio l'Imperadore istesso Paludato, che pone la destra mano su'l capo del Rè, che standogli dinanzi, solleua la destra, e vi si legge: REX ARMENIIS DATVS. S.C.
   Nelle quali attioni apparendo da per sè, quanta fosse la felicità dell'Imperadore, volle il Senato, che per maggior gloria di lui ciò apparisse entro la medaglia, che oltre la testa,
   16. esolite lettere, stà nel rouescio, il simulacro della Felicità, che tenendo nella sinistra vn ramoscello d'oliuo, vero segnale, che, anche nella Pace da lui serbata, la Felicità si rendeua perfetta, solleua con la destra il Caduceo, sigmficante la virtù, con cui era simil Felicità mtrodotta, e conseruata dall'Imperadore, e vi stà scritto: FELICITAS AVG. S.C. Gran selicità è veramente quella, che si riceue dalla quiete dell'animo: nè questa può incontrare ne'Principi molestati da noiosi pensieri di guerra, o da altri simili infortunij. e perche Antonino, con la somma sua prudenza gouernaua la Republica, e l'Imperio placidamente, e i suoi consigli sortiuano ottimi effetti; però doppia fù stimata la felicità di lui: massimamente, che l'esercitio delle sue operationi proce deua dalla somma perfettione acquistata per l'habito fatto nella virtù.
   Coloro, che per cagion d'aggrauij ricorreuano contrai ministri Imperiali, erano vditi volentieri da Antonino. Cancellò gliabusi introdotti in pregiuditio de'negotian ti; e tanto pio, e piaceuole egli era per natura, che il Senato, e ciascun'altro, nõ meno con lui negotiaua, che con qualunque Cittadino si fosse auuezzo di fare. Il nome di Padre della Patria, molto prima concedutogli dal Senato, e da lui per modestia ricusato, col rendimento di molte gratie in fine accettò; la qual cosa congiunta con le ottime attioni, che a beneficio publico egli giornalmente faceua, può ben credersi, che l'amore, e la comune beneuolenza de'Popoli gli aumentasse, e che ciascuno a gara di ben seruirlo, e di perpetuare la sua memoria, e quella delle sue attioni, in guisa si studiasse, che ne douessero giungere i douuti segnali a'posteri. E ciò giudico, che si volesse principalmente esprimere, dimostrando, che con la sua prudenza nel gouerno, e con la soauità de'costumi, egli haueua riposto Roma nel buon essere in cui fù lasciata da'suoi primieri Fõdatori, e che per affettione verso di quella, nõ cedeua a gli Edificatori, & aggranditori di essa: e ciò vollero, se io nõ erro, fare apparire in varie medaglie, l'vna delle quali ci rappresenta, oltre la testa laureata,
   17. etitolo: ANTONINVS AVGVSTVS PIVS P.P., il lor Diuo Marte; il quale con la lancia impugnata, e l'elmo in capo, pare, che discendendo da alto, vada auanzandosi verso vna Donna giacente, e vistà notato: TR. P. COS .III. S.C. Ciò s'intende, per mio credere,
che

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer