Full text: Angeloni, Francesco: LA HISTORIA AVGVSTA DA Giulio Cesare infino à Costantino il Magno

153.

nella sua Casa, e che l'auuerso fratello si conducesse ad esser concorde con esso, e col Padre.
    Le due Annone, che nel sesto, e nell'ottauo Cõsolato di Tito si veggono nelle medaglie
Note: Further links to external Census database:

  · Census ID10068843: »Sestertius of Titus / Annona (RIC 137) (owner: Angeloni)«

di
   9. lui, rappresentãdosi, l'vna cõ Dõna sedẽte, e'l Cornucopia, e lettere: ANNONA AVGVSTI S.C. e la secõda con Donna in piedi, che nõ pur hà il Cornucopia nella sinistra mano, ma sostiene cõ la destra il Palladio; dal cui lato si vede in terra il Cõgio, o vn cesto con delle spiche di grano; e dall'altro vn timone di Naue con lettere: ANNONA AVG. S. C. danno ad intendere la special cura, che insieme col Padre, hebbe cotal Principe di operare, che i Popoli si godessero dell'abbondanza de'viueri: ma la forma della figura sedẽte si è già veduta simile in Vespasiano.
    Roma cõtentissima del Principato di così buono, giusto; e valoroso Imperadore, si pregiò etiãdio d'essere scolpita entro vna medaglia
Note: Further links to external Census database:

  · Census ID10067827: »Dupondius of Titus / Roma (RIC 503) (owner: Angeloni)«

nell'opposto lato della testa di lui; e quasi sẽta stimolo di mostrar gratitudine de'benefici da esso riceuuti, se ne stà sedẽdo sopra vari arnesi di guerra, armata di celata, e porge cõ la destra vna Corona, cõ let. ROMA S. C. veduta in Nerone.
    Tito, quantunque auuezzo nell'armi, procurò nondimeno, che nel suo Principato seguisse la Pace, & in Roma specialmente, doue per le calamità passate, se ne sẽtì più, che altroue, il beneficio: la onde si vede il rouescio in vna medaglia
Note: Further links to external Census database:

  · Census ID10068854: »Sestertius of Vespasian / Pax (RIC 423) (owner: Angeloni)«

, col simulacro della Pace, che porge cõ la destra vn ramoscello d'Oliuo, e sostiene con l'altra il Cornucopia, e tal'vna ve n'è, che tiene in quella vece il Caduceo, con lettere: PAX AVGVSTI S.C. come parimente in Vitellio se n'è rappresentata vna simile. L'Oliuo è sẽpre segno di Pace, come il Cornucopia dimostra, che nella Pace fioriscono, e s'aumentano le ricchezze, & i beni. E Tito poteua ben gloriarsi di quella serbata da lui nel suo Prĩcipato, hauẽdola, cõ la ꝓpria virtù, acquistata col mezo della guerra.
    Dedicò, e cõsacrò, secõdo l'vso superstitioso di que'tẽpi, l'Anfiteatro edificato cõ singolare
   10. magnificẽza dal Padre cõ lo spẽderui immẽso tesoro. Vedesi cotale marauigliosa fabrica scolpita entro la medaglia
Note: Further links to external Census database:

  · Census ID10066886: »Sestertius of Domitian (Titus / Colosseum, RIC 131) (owner: Angeloni)«

, che hà dall'vn lato l'istesso Tito sedẽte sù la sedia curule posta sopra diuerse armi; fra le quali vn lũgo scudo gli sostiene dinãzi vn elmo: egli è vestito d'habito lũgo, coronato d'alloro, e porge cõ la destra vn ramoscello d'Oliuo cõ lettere: DIVO AVG. T. DIVI
   11. VESP. F. VESPASIAN. S. C. e nell'opposta parte stà l'Anfiteatro detto dal volgo, Coliseo, che nel di fuori cõtiene ornamẽti di statue, e d'altro cõ alcune Quadrighe: e trà'vani delle Colõne si veggono, nel didentro, i lati, doue il Popolo sedeua ad assistere a'spettacoli, & ancora le teste de' spettatori disposti a'luoghi loro; peroche fino al numero di 87. mila ve ne capiuano. Nell'istesso rouescio dell'Anfiteatro si scorge la Meta sudãte; della quale appariscono pur hoggi rileuate vestigia; si tiene, che sostenesse vna Statua di Gioue. Hebbe cotal nome in riguardo d'vn capo d'acqua, che per comodità del Popolo, dalla sommità di essa discendeua al basso. All'incontro della Meta stà, nella medesima medaglia, vn edificio fabricato di due ordini di Colonne, l'vno sopraposto all'altro, senza segnale di muraglia, che vi si interponga. E come la machina dell' Anfiteatro fù fondata sopra vna parte della Casa aurea di Nerone; così stimo, che tale edificio di Colonne fosse mẽbro di quella, e restasse iui per alcun tẽpo in piedi.
    Ma se dall'opposto lato dell' Anfiteatro s'è detto esserui la figura di Tito sù vari arnesi di guerra sedẽte; vna simil figura, cõ la medesima Inscrittione, & attributo di Diuo, stà intorno la testa laureata, e lettere: IMP. T. CAES. VESP. AVG. P. M. TR. P. P. P. COS. VIII. E tal medaglia
Note: Further links to external Census database:

  · Census ID10067913: »Sestertius of Titus / Flavian Amphitheatre (RIC 184) (owner: Angeloni)«

, veramẽte antica, battuta nel suo ottauo Cõsolato, dimostra, che in vita di lui ciò seguì: che quãtũque gli Historici dicano, che il titolo Diuus solamẽte dopo morte cõcedeuasi; questo nõ toglie però il pregio dell'autorità alle Medaglie, che de gli Historici istessi sono correttrici, discoprẽdosi da queste gli errori loro. Nomina Lãpridio nella sua Historia il figliuolo di Macrino Diadumeno, e pur nelle Medaglie, Diadumeniano sẽpre si legge: Geta da Spartiano è solamẽte Cesare appellato, e nõdimeno nella prima medaglia di esso, posta dall'Erizzo, per
non

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer