Full text: Lanzi, Luigi Antonio: La Real Galleria di Firenze accresciuta, e riordinata per comando di S.A.R. l'Arciduca Granduca di Toscana

175 
mili questioni ha lasciate incerte. Ben 
può assicurarsi, che dopo le pochis¬ 
sime statue, che chiamansi di prima 
bellezza, questa tiene un rango mol¬ 
to distinto, perchè unica, perchè di 
bel marmo trasparente, perchè scol- 
pita con grande intelligenza del nu¬ 
do, e sopra tutto con insuperabile 
verità di espressione; ch' è l'auima, 
e la vita de' marmi. 
L'Apollino appoggiato a un 
tronco è nuovo dono, che S. A. R. 
fece a Firenze, quando l'arricchi 
della Niobe. Compararlo al celebre 
Apollo di Belvedere, come altri ha 
fatto, è quasi paragonare uno stesso 
uomo con lui medesimo; ma in età 
differenti. Questi è un giovinetto. 
che a saettar fiere si esercita in Delo, 
o in Cinto (Homer. Hymn. in Apoll.); 
quegli è un giovane adulto, che ha 
trionfato di Pitone, e de' Giganti. 
Secondo il parlar degli. antichi, che 
la venustà distinguevano dalla bellez- 
za; questo, potria dirsi, è più venu- 
sto, quello è più bello. Secondo il 
parlar di alcuni moderni, che al bel- 
lo, e al grazioso contrappongono il 
su¬
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer