Full text: Manni, Domenico Maria: Notizie istoriche intorno al Parlagio ovvero anfiteatro di Firenze

nome de' Fratelli Carlieri si dà fuori, dell' Anfiteatro a 
buona equità si fa menzione, da chi ha molto aggiun¬ 
to a ciò, che di note vole lasciò scritto il Dottor Raffa¬ 
ello del Bruno. 
Il Teatro, che qui fu, dell' A. fiteatro ci assicura. 
CAPO. VI.. 
A io, le riferite coſe non molto reputando, dalle 
veſtigie dell' Anfiteatro, che ſi ſono vedute, fo 
argomento, che vi sia stato, la cui traccia, dirò cosi, 
di figura ovale fino al giorno d' oggi si mira. Nè gio¬ 
va I opporre, che facile per avventura sarebbe lo scam¬ 
biare coll' Anfiteatro il Teatro; imperciocchè se una 
sola delle due coſe avessimo noi avuto, potea tal con- 
fusione addivenire; ma lo aver noi avuto e l'uno, e, 
l'altro, ci pone dal pericolo di sbagliare in sicuro. Al 
più naſcer potea ſopra di ciò dubbiezza ai tempi del 
Borghini, ne' quali non era ben chiarito ove il Teatro 
si fosse; ma ora che mediante la diligenza, e lo studio 
del Senator Carlo Strozzi si ſa, che il Teatro presso all' 
Anfiteatro si ſtava, lungi è che in ciò possa nascer er¬ 
rore. Che poi noi l' uno, e l'altro abbiamo avuto, o- 
pinione fu tra gli altri di Cristotano Landino dicendo 
in un Elegia del secondo libro De primordiis Urbis, 
veduto da me nella rinomata Libreria Riccardi 
Syllanis primus fugiens asperrima montis, 
Purgavit nostros arte colonus: agros. 
poi segue a dire: 
Quin & gradivo longis suffulta columnis 
Construxit vario marmore Templa Deo. 
Et quae rupta jacent turpi vitiata senesta 
Manibus adjunxit alta Theatra novis. 
Testi-
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer