Volltext: Covoni, Marco: Regolamento dei regi spedali di Santa Maria Nuova e di Bonifazio

LXIX 
nella rilevante sua totalità, venne ai medesimi ben presto alleggerito 
dalla Sovrana munificenza, che ne addossò alla sua Real Depositeria 
l’imprestito gratuito di una cospicua somma erogabile nella detta 
Fabbrica. 
Nè molto si tardò a porre in uso la vastità della Fabbrica mede¬ 
sima, e a sperimentare gli effetti degli aumenti e comodi relativi , men- 
tre sotto li 19. Maggio 1788. fu eseguito il trasporto dei Dementi da 
S. Dorotea nel nuovo Spedale di Bonifazio, coll’ aiuto e opera caritativa 
della celebre Compagnia della Misericordia di questa Citià, e senza il 
menomo sconcerto in num. 70. Uomini, e num. 56. Donne (1). 
A questi furono successivamente aggiunti anco gli altri Dementi 
(1) Da umili principj ripete la sua origine la nostra benemerita Compagnia della 
Misericordia 
Nel 1409. diversi Faticanti o Facchini soliti adunarsi in una Loggia sulla 
Piazza di S. Maria del Fiore della Città di Firenze, dove è in oggi l’Ufizio del 
Bigallo, ad insinuazione di un tal Piero di Luca Borsi loro capo e collega, e 
col moltiplicato Deposito di diverse somme ultroneamente da Essi rilasciate del re¬ 
spettivo loro giornaliero guadagno fecero costruire quattro Zane capaci ciascheduna 
di una persona di giusta misura, ali’ effetto di destinarne una per ogni Quar¬ 
tiere della Città nostra, e di trasportarne ivi i Malati, tanto al nostro Spedale 
di S. Maria Nuova, quanto agli altri ec., siccome pure gli affogati, gli uccisi, 
o altri morti, o colpiti da accidenti improvvisi nelle pubbliche strade per traspor¬ 
tarli ad un asilo, o respettivamente al sepolcro; un simile trasporto fissarono do¬ 
versi eseguire da alcuno di loro da destinarsi settimana per settimana, con asse- 
gnare a questi un paolo per volta dal prefato Deposito. 
Con universale gradimento fu riguardata dai Cittadini una tale pia opera. 
Nel 1425. colle largità dei pii Benefattori fu comprata una Loggetta sulla 
cantonata tra il Bigallo, e Via de’Calzaioli per potersi quivi adunare i detti Fa- 
ticanti interessati nell'opera suddetta. 
1432. Successivamente fu questa ridotta ad Oratorio; e vi si incominciò a ce¬ 
lebrar la Messa, e a recitarvi ogni giorno le Litanie e altre preci, per i contri- 
buenti all’ opera medesima. 
1481. Fino a questo tempo fu ristretto un simile pio Istituto tra i detti Fac¬ 
chini in num. di 80. in circa . Poi diversi Artieri della Città fecero istanza ed 
ottennero di entrare a parte di un cosi lodevole esercizio, sicchè si formasse ben 
presto una Fraternita di seicento e più individui, i quali non si risparmiavano 
nè di giorno nè di notte per supplire intieramente gratis a' detti caritativi 
tras porti. 
1490.
	        
Waiting...

Nutzerhinweis

Sehr geehrte Benutzerin, sehr geehrter Benutzer,

aufgrund der aktuellen Entwicklungen in der Webtechnologie, die im Goobi viewer verwendet wird, unterstützt die Software den von Ihnen verwendeten Browser nicht mehr.

Bitte benutzen Sie einen der folgenden Browser, um diese Seite korrekt darstellen zu können.

Vielen Dank für Ihr Verständnis.

powered by Goobi viewer