Full text: Rastrelli, Modesto: Illustrazione istorica del Palazzo della Signoria detto inoggi il Palazzo Vecchio

73 
verno, come alcuni dicevano, anzi voleva con- 
fermarlo perpetuamente; però ottenne prima nel- 
la segreta pratica, e dipoi nel Consiglio Grande 
una Provvisione, nella quale il Popolo Fiorenti- 
no con solenni giuri, e col partito si elesse Cri- 
ſto Figliuol di Dio per suo Re; e cosi fu scritto 
sopra la Porta del Palazzo 
Jesus Christus Rex Florentini 
Populi S. P. Decreto electus. 
Or conviene osservare sù questi due raccon- 
ti dello stesso Storico, che il Segni scrisse nella 
Istoria con una verità priva di qualunque passio- 
ne, e nella vita come adulatore e parente, es- 
sendo Nipote del Capponi. Del carattere di 
Niccolò odasi il Nerli, che cosi scrive. „ Si 
aveva Niccolò molto guadagnata la parte Frate- 
sca . . .. Fece Niccolò nel Consiglio Maggiore 
un Orazione a proposito di que tempi, nella 
quale quasi di parola in parola recitò una delle 
Prediche di Fra Girolamo, quasi delle più spa- 
ventose, che predicevano tanti flagelli all' Ita- 
lia, e a Firenze, e dopo quelle rovine tante 
felicità al Popolo Fiorentino . . .. e per com- 
piacere ancora più i Frateschi, e per più gua- 
dagnarseli un altra volta in Consiglio persuase 
il Popolo . . .. che si dovesse eleggere per Re 
particolare del Popolo Fiorentino, Cristo Re- 
dentore, come già predicando fece il Frate (Sa- 
vonarola ) a viva voce, e che perciò si dovesse 
ro porre le Insegne di Cristo, ed il glorioso No- 
me di Gesù sopra la porta del Palazzo, accioc- 
chè niun altro mai per alcun tempo non presu- 
messe di levarlo per porvi le Insegne sue.,,
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer