Full text: Rastrelli, Modesto: Illustrazione istorica del Palazzo della Signoria detto inoggi il Palazzo Vecchio

103 
varlo condusse a cena seco lui un tal Farganac 
cio, uomo molto piacevole ed arguto. Cosimo 
prevalendosi della circostanza, ficcome era di 
animo accorto, considerò che il Gonfaloniere es- 
sendosi lasciato corrompere a forza di denari 
come era vero ) per cooperare alla di lui per¬ 
dita, cosi a forza di maggiore oro lo avrebbe 
liberato; onde parlando segretamente al Farga- 
naccio, lo mandò dallo Spedalingo di Santa Ma- 
ria Nuova, e con un contrassegno gli fece dare 
millecento ducati, de' quali, cento ne rilasciò al 
Farganaccio, e mille fece nascosamente presen- 
tare al Gonfaloniere Bernardo Guadagni, perchè 
gli fosse favorevole. Gran forza veramente ha 
l'oro! Il Guadagni avuto il denaro, e sperando 
maggior premio, cangiò tenore, e di nemico 
acerrimo di Cosimo, si fece suo difensore: vo¬ 
lendo dunque salvare chi lo aveva regalato, 
non incorrere nella disgrazia del popolo, convo- 
cò sulla Piazza il Parlamento, nel quale si fece 
dar facoltà di far tutto quello che fosse necessa- 
rio per benefizio della Repubblica. approvata la 
deliberazione, cominciarono a trattare della cau- 
sa di Cosimo, e finalmente nel di 11. Settembre 
fu pubblicata la Sentenza, che confinava Cosimo 
de' Medici per cinque anni a Padova, e Loren- 
zo suo Fratello per anni due a Venezia, inabili¬ 
tando per 10. anni tutta la Famiglia de Medici 
a godere gli Ufizi della Repubblica. Da questo 
giorno fino al di 3. di Ottobre, stette però Cosi- 
mo in prigione nel Palagio, e solo nel suddetto 
giorno gli fu fatta nota la condanna, alla quale 
ben
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer