Full text: Volume I (1)

149 
DI CHIANNI. 
Sterza, a 6. Comunità di Pietra Cassa, a 7. Comu- 
— si crede vi sieno n. 150. fuo- 
nità di Laiatico 
chi, che 15. del Castello — il Castello non è punto 
in piano, e non ha segno alcuno di mura. Le tenute 
di Montevaso, e Mele sono da miglia 18. di cir- 
cuito, vi sono quasi per tutto macchie e pasture, ma 
non vi è alcuna casa, sebbene vi si vedono le vesti- 
gia di due Costelli, uno a Montevaso, l' altro a Me 
le. Padrone di detti terreni è l'Arcivescovado, e non 
solo de' terreni, ma si dice ancora aver la Giurisdi- 
zione se vi fussero abitatori, essendo Feudo della Chie¬ 
sa. Intorno al Dominio temporale degli Arcivesco¬ 
vi di Pisa sopra al Comune di Mele, si può vedere 
il Tronci Ann. Pis. 357. 
Istoria della Badia di Morrona. 
Abato 6. Ottobre, partii di Morrona, e m' in- 
camminai verso i famosi Bagni a Acqua, e dop¬ 
po un miglio di viaggio, siccome rimaneva in poca 
distanza la Badia di Morrona, di cui aveva letto 
tante cose, volli uscire alquanto di strada per ve- 
derla, ma la trovai minore dell'espettativa. 
Ella è situata nella cima d'una collina quasi isolata 
ma che si dirama da quella di Morrona, e resta 
nella Valle di Cascina, godendo una bella veduta, 
e aria salubre. Il Monastero è assai piccolo, se si 
ha riguardo a quelli che usano oggigiorno, di fab¬ 
brica quadrata grossolana, con un Cortile nel mez- 
zo circondato da un meschinissimo Loggiato; a ma¬ 
no destra del quale entrando dalla porta principale 
del Monastero, si legge la seguente Iscrizione in ca- 
ratteri Gotici scolpita in marmo 
Hoc opus fecit fieri Donnus Silvester de Anghiare 
Abbas uius Mon. MCCCXIII. 
Nel 
K 3
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer