Full text: Del Migliore, Ferdinando L.: Firenze, città nobilissima

Parte Terza del Primo Lib. 
533 
uocati dell' Arti; ed alquanto dopo fù collocata quella Immagine 
miracoloſa, in vn Tabernacolo di marmo, coperto d' vna Tribuna 
a cupola, circondata da vna ricca balaustrata, la quale posa sui 
vna scalinata pur di marmo, & ad essa l'Altare assai bene in eminen¬ 
za, fatto secondo il coſtume antico, si de' Greci, come de' Latini, 
che ſù di tenere i Laici aſsiſtenti a' diuini Sagrifizij, lontani, secon 
do la disposizione de' Concilij, e massime del Turonense, in quelle 
parole, Vt Laici secus Altare, quo sacra ministeria celebrantur, inter 
Clericos, tam ad vigilias, quam Missas stare penitus non praesumant, sed 
pars illa, quae ad Cancellos versus Altare diuiditur, Choris tantum psal¬ 
lentium pateat Clericorum. Non sapremmo additare vn luogo simile, 
mantenutosi fino a' giorni nostri cospicuo, quanto egli è venerabile, 
per quella gran reuerenza ch' ebbero gli antichi alla Messa, e al Sa- 
cerdote che la celebra, stando in alto veduto da ogni parte. Vn' al- 
tro costume antico vi s' osserua nello'mbasamento, che era di ornar 
le Cappelle, e gl'Altari di Storie, come quiui si vede, de' fatti 
della Madonna, arricchiti di rabeschi, e d' altre cose deuote, atte 
ad incitar maggiormente la deuozione ne' Popoli; non è Cappella 
di que' tempi, doue questo lodeuol requisito riconoscer si possa., 
fatto con molta squisitezza d'arte, cosi lodata dal Cocchi Autore 
antico nel suo M. S. Quorum compages contexitur arte, vt vix aliud pa¬ 
videatur opus. Tendemno dreto alle par ole del Vasari, il qual se 
bene su Vomo di pittura, e che di quella scrisse, nel toccar la Ma- 
donna che ſtà coperta su quell' Altare, ci parue vn' equiuoco il suo 
in additat la per di mano d'Vgolino Sanese, perchè considerata l'eta 
sua [ ſe vero è che e' morisse nel 1349.J dificile è che nel 1284. fosse 
cosi ben' ab le a dipignere in vn luogo cosi pubblico, e a nome d'vn- 
Repubblica cosi eccelsa, che creder si può senza fallo, vi s'adc peras¬ 
se vn Maestro assai bene sperimentato, e pratico in quel mestiero 
molto più ſch' è argomento più forte) se quella Madonna credutasi 
da lui d'Vgolino, era stata dipinta a fresco in vn pilastro di quella 
Loggia fatta di mattoni, come di presente dipinta sull' asse ? che 
anche per la maniera molto diferente al giudizio de' professori, non 
si giudica etiamdio quella, che oggi vi si vede d' Vgolino, essendo 
quello vn mò di fare praticato assai più nell' antico, di sorte che da 
delineamenti della figura; che molto s' accosta alla maniera greca, 
se dir non volessimo tutta essere a quella corrispondente, talmente, 
che essendo rozza, e goffa, torna bene il dirsi esser più atte a far mi 
racoli più le brutte, che le belle pitture de' Santi, per la ragione 
addotta dal Niuizano nel trattato de Nuptialibus, mediante, che 
la mente, dice egli, non venendo a distrarsi nel contemplarne 
artifizio, la fede si riduce più gagliarda alla pro duzione del mira 
O0 3 
colo
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer