Full text: Del Migliore, Ferdinando L.: Firenze, città nobilissima

Santo Leo. 
456 
sente riferisce, che il Popolo corso a vederlo, stimandola vna cosa in¬ 
solita, e sopranaturale, sarebbesi indotto a qualche sciocca ostenta¬ 
zione, se non si fosse risotterrato ben presto, per ordine dell' Arci. 
uescouo di que tempi. Questa è la natura della Plebe, e delle per- 
sone ignoranti, da cui nasce la marauiglia, generante il tumulto ve¬ 
stito di deuozione, sempre con tre quarti d'inreuerenza. A San 
Francesco al Monte suor di Firenze, nacque vn caso simile a nostri 
tempi, d' vn Corpo ritrouato cosi intero, con i peli della barba, 
colla punta del naso, solita esser la prima a contaminarsi, co' ge- 
nitali senza calare o appassirsi, come naturalmente auuiene a qualun¬ 
que cosa non viuificata dallo spirito, il Popolo, prima di conside¬ 
rare gl'effetti della natura, atta a conseruar lungo tempo vn Corpo, 
collocato nell' asciutto, lontan dallymido, come si presume quel 
Monte, solleuato e di scolo dagl acquitrini, diceua, che gl'era vn Cor- 
po santo, e dal dire si sarebbe venuto a cosa maggiore, se presto non 
si fosse dato di mano a riporlo, raffrenando particolarmente le Don- 
nicciuole, che aueuan cominciato già a cauarsi di tasca la Corona per 
toccarlo: chi auesse desiderio di vederlo, si faccia aprir la Sepoltu¬ 
ra de Borgherini nella lor Cappella, che ve lo vedrà a prima giunta, 
bianco, con vno straccio di camicia indosso, chie par morto d'vn gior¬ 
no e pure, per vn certo nostro riscontro, sono più di 240. Anni che 
mori. La 'ntenzione adunque del Concilio, su di leuare affatto 
dalle persone deboli questa vana stima, che pareua derogasse, in vn 
certo modo, alla venerazione douuta alle Reliquie de' Santi, meri- 
teuoli esse solamente di star solleuate da terra, come stelle di prima 
grandezza al sollieuo dell vmane miserie: doueasi a nobili per ra¬ 
gione del natale, illustrato dalla condizione del sangue, vn contras- 
segno in morte, che esprimesse il predominio, e la maestà sostenuta 
in vita sopr' alle persone basse e inciuili, alle quali è proibito, non 
solamente le Sepolture soppannate di marmo, ma l'alzarle da terra. 
Qui cade vn' esemplo, che rigetta l'openione di chi non sapendo be- 
ne che coſa ſia il Libro del Priorista, lo crede l' vnico riscontro della 
Nobiltà, preteſa la più illnstre: perchè, essendo la Famiglia Bru¬ 
nelleschi, nobilissima per conditione, ascritta per conseguenza nel 
numero delle grandi, escluse dal gouerno del Popolo, sotto la deno- 
minazione dell'Arti, non ebbe il Priorato, se non vna volta sola, an¬ 
che nel moderno, cioë, nel 1467. spento, che si su affatto, il rigor 
della Legge, e con essa il liuore del Popolo, che aueua cosi fortemente 
giostrato e vinto la potenza de Grandi. 
La terza Cappella è de Boni; v'è ritratto al raturale Lionardo, 
che la fe fare, auolo del Senat. Giouanni vltimo della Casa, in atto 
d'orare ad vna Madonna, messa in mezzo da due Santi, di Domeni- 
S. DONATO 
co Grillandaio.
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer