Full text: Del Migliore, Ferdinando L.: Firenze, città nobilissima

Metropoli di Firenze 
21 
col Sacro Criſma nell'atto della Sacra, fatta come diremo da Papa Eu- 
genio. 
VA canto, in vn Sepolcro ſimilmente dipinto dal medeſimo Lorenzo 
di Bicci, rappresentauisi addiacere in abito Vescouile con Cappello 
rosso da Cardinale su' piedi, Pier Corsini figliuolo di Tommaso luris¬ 
consulto, cugino di S. Andrea Corsini, e quelli, che fu nel primo luo¬ 
go Veſcouo di Volterra, e doppo auer in Roma sostenuta la carica di 
Maeſtro del Sacro Palazzo, nel 1361. paſſatoſene al Veſcouado di Fi- 
renze, ott'Anni doppo Vrbano V. lo fece Cardinale del titolo di S. Lo- 
renzò in Damaso, che fi chiamò il Cardinal di Firenze, per auer con 
autorità di suo Legato in Germania conclusa, e fermata pace fra l'Im¬ 
perator Carlo quarto, Lodouico Rè d'Vngheria, Ridolfo Duca d'Au- 
stria, e Giouanni di Boemia Marchese della Morauia, dal qual' Impe- 
ratore ne riportò vn singularissimo Priuilegio dato in Praga nel 1364. 
che viget ancor oggi a fauore degli Arciuescoui di Firenze suoi successo¬ 
ri, venendoui dichiarati Principi del Romano Imperio, come dirassi 
più difusamente altroue. Doppo la morte di Gregorio XI. dal qual'ot- 
tenne titolo di Vescouo Portuense; nell'elezione del nuouo Pontefice 
fu vn di que' Cardinali, che concorse all'elezione di Clemente VII. An- 
tipapa, e quella fauorita, e protetta ad ogni suo potere ridottosi in A¬ 
uignone seguace tenacissimo di quella crudele Scisma, iui fù scomunica¬ 
to, e priuato del Cappello dal vero Pontefice Vrbano VI. il quale dal 
medesimo Papa riottenne con maggior sua gloria, ed espression di ta¬ 
lento in scriuere deschismate iugulando a' Principi Cristiani, e le Vite 
più illuſtri d'alcuni Cardinali. Eù generosissimo, e talmente speri men¬ 
tato nel gouerno, e in cose, in cui richiedesi prudenza straordinaria 
in condurr' a fine ogni gran negozio, che morto Vrbano, dicono, e 
fra questi l'Ammirato, fosse in gran cimento d'esser Papa, e de fatto i 
Fiorentini, che più d'ogn'altro Popolo lo conosceuan atto, e capace a 
sostenere vn si gran peso, scrissero vna lettera veduta da noi nelle Rifor¬ 
m agioni nel lib. 1384. all'89. a Cardinali del Conclaue in sua commen- 
dazione. Mori in Auignone ne' 16. d'Agosto del 1405. di doue trasfe- 
rito il suo Corpo a Firenze, sù seppellito quiui, luogo, che già per de¬ 
creto pubblico del 1391. gli era stato assegnato per edificarui con dote, 
vna magnifica Gappella; con condizione però, atteso il rispetto, e la 
grauità, che si deue a' laoghi fabbricati dal Comune, del non vi si do¬ 
uer permettere Sepoltura a nessuno, vollero chè niun'altro di quella 
Caſa de' Corsini, se non ne foſſe vn'altro Cardinale vi ſi poteſse seppel- 
lire. Nel Sepolcro euui, oltre all'Arme sua dipinte le tre Virtù Teolo- 
gali, delle quali se ne richiede ornato l'animo d'ogui gran Prelato, e nal 
pauimento le seguenti lettere. 
B 3 
PEIRO
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer