Full text: Del Migliore, Ferdinando L.: Firenze, città nobilissima

226 
Conuento 
scrisse per coſa mirabile, il non essersi il Sauonaruola in quel punto di 
tanto spauento sin cni non è delinquente per costante che sia, che non 
s'atterriſca ) cambi ato di volto, ne auuilitosi, anzi intrepido, e costan¬ 
te nel modo, che s'era mostrato in tutte le sue azioni, cosa, che più to¬ 
sto accrebbe ne' contrarj, soggingne l'Autore, rancore, e collera, che 
compassione d'auer alla fine condotto vn pouero Frate a quel segno di 
miseria; i suo i Partigiani l'ebbero per costanza solita mostrarsi ne 
Giuſti incontrare a viso aperto, e virilmeute sostenere senza paura la 
morte, lo Spinelli pur autor di que' tempi, racconta, si buttassero, ab¬ 
bruciato che' fù, le Ceneri in Arno, accio disse, i Piagnoni, e gente ad- 
dolorata per la sua morte, non ne facessero Idolatria; affezione fû que- 
sta cosi tenace, e gagliarda, che ita serpeggiando di padre in figliuolo, 
e di tempo in tempo auanzatasi, resta ancor viua in alcuni, quali non 
nominiamo per degni rispetti, che se bene in questo non ardiscon pa¬ 
lesarsi, fanno però vn certo sforzo di tirare, come dice il Prouerbio, 
il sasso, e nasconder la mano, mandando ogn'Anno ne' 23. di Maggio, 
nel qual giorno cade l'Anniuersario della sua morte, a fiorire ben di 
notte, e in su l'ora addormentata, quel luogo per l'appunto, doue fù 
piantato lo Stile, che v'è per segno vn tassello di marmo, poco lontano 
alla Fonte, e ben vero, riconoscersi in quell'atto viuer similmente i suoi 
contrarj, per que' fiori, che vengon taluolta mescolati con sterco , po- 
tendolo noi asserir di vedura non son molt' Anni; v'è stato fin chi sen- 
za tema d'esserne fortemente ripreso, ardi pubblicare in rame il suo Ri¬ 
tratto con raggi alla fronte, e con la parola Beatus Hieronymus Sauona¬ 
ruola Ferrariensis Ord. Praedic. qual vedemmo non senza ammirazio¬ 
ne, in mano a Giouani Renzi Dottor di buon gusto, in fare scelta di co¬ 
se pellegrine antiche. Vna Medaglia assai ben grande è appresso a'PP. 
di S. Marco, in cui è parimente il suo Ritratto in profilo, con vn Cro- 
cifisso , e titolo di dottissimo, douutoli in ordine al suo sapere, e talen- 
to, Hieronymus Sauonaruola Ord. Pre. Vir doctiss. 
Ma per ritornare vn paſso a dreto, morto il Frate, restò la medesima 
emulazione, e gara fra' Cittadini, che partori diuersi effetti, ed vn fra 
gl'altri notabile da non si tacere, ch'apporterà reuerenza maggiore in 
chi non seppe per auuentura, quanta se ne deua alle cose Sacre; Tanai 
de'Nerli, ch'era stato acerrimo contro di lui, procurò dipoi a onta, e 
per ſmacco de'suoi seguaci, si mandasse sù l'Asino per Firenze la Cam- 
pana di S. Marco, quella, che di presente vi suona, sotto protesto d’a- 
nere sonato a martello la notte che' fù preso F. Girolamo, con ad¬ 
durne la grauezza, essendo che, il sonare in quell'atto fosse, diceua egli, 
vn'impedire, ed vn modo d'esimersi con franchigia dagl' ordini esse- 
cutiui
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer