Full text: Del Migliore, Ferdinando L.: Firenze, città nobilissima

San Giouannino 
196 
ramente s'è veduto la sperienza corroborar in fatto l'intenzione di 
quel Principe; perchè tralasciando di dir qui, quel che disse l'Ammira 
to nell'Orazione funebre di Filippo Secondo Rè di Spagna, che doue 
aueua poſto il piè la Compagnia del Giesù, l'altre Religioni con l'e- 
semplo suo, anno fatto quel miglioramento, e profitto notabile, che 
da ogni Stituto, o Regola, deue esser per scopo, in riguardo dell'inte- 
grità de' costumi, portato in fronte; noi dichiam bene adunque, che 
l'vtile apportato a Firenze per questo mezzo essere stato grande, d'i- 
ſtruir la giouentù, sotto la direzione degli ſtudi di varie scienze, e ma¬ 
terie, lette, e pubblicate da Vomini valenti, consumati in ogni facul¬ 
tà; se si riguarda pochi esser i Suggetti di stima, e che vantin lettere, 
che non confessino d'esser vsciti da quella disciplina; essendo che, stata 
la Ciuiltà di Firenze fin'a quel tempo, istruita da Preti Secolari, la 
maggior parte di poco talento, e sapere, che quasi per vilipendio, o 
diminuzione di quel lor magisterio, si chiamauano per lo piu Pedanti. 
La pouertà, e Gente bassa si buttaua alla rinfusa, a le quattro Scuole 
pagate dal Comune, situate ne' Quartieri, e questo per costume anti- 
co, parlan dosene ne' Libri delle prouuisioni dell'Anno 1469. in occa- 
sione di dar nuoua facultà a gli Vfiziali dello Studio Fiorentino, d'e- 
leggere i quattro soliti Maestri di Gramatica. Si che, considerandosi 
la Virtii, che per ordinario porta reuerenza, e rispetto, facesse al cuor 
del Gran Duca Cosimo, vna certa violenza in desiderar di far nota la 
qualità sublime, di quell'allor nascente Religione; e l'occasione fù pron- 
ta, che l'obbligò a dichiararsene pubblicamente, perchè il Vescouo di 
Chiaramonte, che desideraua fondar in Parigi vn Collegio alla Com- 
pagnia, richiesto da' Padri d'informazione, da lui venne legalizzata 
con le seguenti parole, portata qui da' Libri pubblici della Cancelleria 
de' Consiglieri, e da quei dell'Archiuio dell'Auditor di S. A. doue re- 
gistrata la Supplica de Padri, notasi, S. Ignazio, che non era ancor 
morto, nominato alla semplice col titolo di Messer Ignazio Generale 
della Compagnia Cosmus Medices II. Flor. Dux, & eius Consil. omnibus ha¬ 
rum seriae licterarum, notum esse volumus, Religiosos Clericos, Societatis de 
Nomine lesu nuncupate, proximis Annis in Ducali nostra Ciuitate Flor. re¬ 
ceptos, in Spiritualibus Exercitijs, Diuina Officia celebrandi, confessiones au¬ 
diendi, Verbum Diuinum praedicandi, Iuuentutis orthodoxsaefidei, & licte¬ 
rarum element is instruendae, ac bonestis moribus, vitae probitate, ac honeste 
conuersationis exemplo ita versari, vt nos, & Subditos nostros, eius Socie¬ 
tatis eorumque qui apud nos diuersantur minimè acthenus penituerit, & in¬ 
dies vberiora speremus. In quorum ficem praesentes fieri iussimus, & nostri 
Sigilli appensione muniri. Dat. Flor. die 24. Maij 1555. 
Filippo Guazxalotri sottopose a questo Collegio, l'Oratorio di San 
Bartolommeo in quel di Pra:o, ratificato per Bolla di Pio V. nel 1567. 
e Fran-
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer