Full text: Del Migliore, Ferdinando L.: Firenze, città nobilissima

51 
148 
Sede dell 
rallegrò col Pontefice, lodandolo d'essersi dato alla Chiesa loro, 
vn dignissimo Prelato, fra' suggetti propostigli, fra' quali fur ono 
F. Iacopo degl'Altouiti Domenicano, ſtato dipoi Veſc di Fieſo. 
le, Girolamo d'Auzano, e F. Lodouico de Marsili Agoſtiniano. 
Nel. 1400. fù deposto, e trasferito a Comacchio, per esser paruto 
al Papa, che il fauor che prestaua a quella Repubblica, con vna 
certa straordinaria affezione, si venisse a derogare, e a rendersi 
fuor di ragione gl'affari della Iurisdizione Ecclesiasticai segui con 
diſguſto de'Fiorentini, i quali moſtrandogli quella per vna mali¬ 
gnità de ſuoi mal' affezionati, lo pregauano non lo voleſſe rimuo¬ 
uere. Consacrò nel 94. la Chiesa della Certosa, e come Vomo 
celebre nelle lettere, il Poccianti nel Catalogo degli Scrittori gli 
da titolo d'Insigne; e l'Iscrizione nel suo Sepolcro in S. Spirito di 
Magnus Theologus. 
Alamanno. Degli Adimari, figliuolo del Cau. Filippo. Eletto 
di Dicembre del 1400. rinunziò ne' 22. pur di Dicembre del 1401. 
fatto Arciuesc. di Taranto, doppo di Pisa, e Cardinale nel 11. da 
Giouanni XXIII. del titolo di S. Eisebio. Il Borghino non fece 
menzione li lui in questa Serie, non essendosi abbattuto a vedere 
vna Bolla di Bonifazio IX. esistente nell'Archiuio Generale, in 
cui dicesi d'auer eletto Vescouo di Firenze Alamanno Adimari 
Piouano di S. Stefano a Modigliana; tale lo commemora il P. Ol- 
douino, dicendone di più, sosse Legato di Giou inni XXIIs. al 
Rè di Castiglia, per far lega contro a' Saraceni; e di Martin V. in 
Aragona a ridur Pietro di Luna Antipapa, all'vbbidienza. 
Iacopo. Dal Terranio; l'Vghelli lo chiama de Paladini. Dal- 
l'Arciuescouado di Taranto venne a Firenze nel 1401. Interuen- 
ne nel Concilio Pisano, in cui fù eletto Alessandro V. Filardo, e 
l'Anno doppo si trasferi al Vescouado di Spoleti. 
Franceſco. Zabarel a da Padoua; eletto nel 1410. Nel seguente 
Giouanni XXIII. lo fece Cardinale, e si chiamò il Cardinal di 
Firenze, del titolo de SS. Cosi no, e Damiano- Spedito Legato 
all'Imperator Sigismondo, nell'atto del ragunarsi il Concilio di 
Costanza, nel quale se la Morte sui, che cadde nel 17. di quel 
Secolo, non s'interponeua, correua risico di restarui Papa; es- 
sendo già Vomo di Lettere celebratissimo, sperimentatosi nello 
Studio Fiorentino, in cui lesse Legge Canonica. 
53 Amerigo. Corsini figliuolo di M. Filippo; sù Referendario A¬ 
postolico, e Arcidiacono Baiocense, Città della Normandia in 
Francia. Fù eletto Vescouo nel 1411.e nel 21. sublimata la Chie- 
sa nostra alla dignità di Metropoli da Martin V. Colonna, questi 
sù il primo Arciuescouo di Firenze, con special dono della Cap- 
pa
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer