Full text: Quartiere di S. Giovanni (7)

121 
E 
ZION 
L 
E 
XIII. 
DELLACHIES4 
DI SAN MARCO II. 
Anto fu il piacere di Cosimo de' Me- 
dici in aver procurato, che venissero 
in S. Marco 1 Padri della Congrega- 
zione della Osservanza di S. Dome- 
nico, che ringraziandone egli il Pon- 
tefice Eugenio IV. promisegli di spen¬ 
dere scudi diecimila per rendere più 
bello, e più amplo il Convento, come fece, scriven- 
do Giorgio Vasari, che sia questo il più bello di quan- 
ti Conventi sono in Italia. E giacchè il piissimo Co¬ 
simo principiò dall' ingrandire la Chiesa, da questa ci 
faremo ancora noi, notando in primo luogo di chi fosse 
l'Altar maggiore innanzi della venuta de' Domenicani, 
e da chi rinnovata. La Chiesa consistente in una Nave, 
che formava piuttosto una sala, dipinta a fresco da Pie¬ 
tro Cavallini Romano, con le Cappelle assai sem pli- 
ci, appoggiate alle pareti laterali, e nella testata, 
senza sfondo, che desse grazia, alzavasi l’Altar mag. 
giore, che era stato fondato da Donna Fia de' Capon- 
ſacchi: come appariva anche nel secolo passato dall' 
Arme di questa Famiglia, che sono tre rose, e da una 
lapida con le seguenti parole: 
HANC CAPELLAM FECIT FIERI DOMINA FIA 
VXOR OLIM BANCHI DE CAPONSACCHIS PRO 
REMEDIO ANIME PATRIS SVI SER PINI 
BONACCVRSI ET FILIORVM EIVS IOANNIS 
MICHAELIS ET PHILIPPI ANNO MCCCXLI. 
DIE . . . . . SEPTEMBRIS. 
Tom. 
VII.
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer