Full text: Dalla Porta a Pinti fino a Settignano (6)

lognese (pag. 146.), Andrea da Gubbic (164) 
Pietro Carducci (171), ed altri; i più celebri 
poi, che insigniti vengono del titolo di Bea- 
to sono i seguenti, cioè il B. Pietro della 
nobile inoggi estinta Famiglia de’ Belfredel- 
li, il quale , nacque, secondo il Brocchi 
nel Tom. II. Par. II. pag. 174. in Firenze in- 
torno al 1340, e prese l’abito della Religio- 
ne degl’Ingesuati nel Convento di S. Giusto 
presso la Porta a Pinti., Con buona pacc 
di Scrittore si celebre non sembra ammissi¬ 
bile un’ epoca si remota, senza andare in¬ 
contro a patenti contradizioni, mentre sa- 
pendosi altronde, che Eugenio IV. Sommo 
Pont., che regnò dal 1431. al 1447. com- 
messe al Vescovo di Cervia di sopprimere 
questo Convento, e di cederlo ai Gesuati, 
ne verrebbe per conseguenza, che egli ve- 
stito avesse l' abito Religioso di circa 90. 
anni, il che non sembra verisimile, mentre 
gli Agiologi non fanno risaltare in lui s 
lunga età. Certo però è, che sotto la dire- 
zione del Beato Romolo da Firenze, disce- 
polo del Padre Fra Paolino da Pistoia, uno 
dei Compagni del B. Giovanni Colombini 
fece egli si gran profitto nella perfezione 
Religiosa, che meritò di essere dall'istesso 
Beato prescelto per suo Compagno nella fon¬ 
dazione del nuovo Convento di Valverde a 
Bologna. Ver l’istesso tempo quivi siorirono 
due nobili Fiorentini, ambedue col nome 
di
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer