Full text: Dalla Porta a Pinti fino a Settignano (6)

E tutta questa dirittura, cioè le 40 braccia 
della loggia del primo Chiostro, l'andito, 
e quella del secondo, facevano un riscontro 
lunghissimo, e bello, quanto più non si può 
dire: essendo massimamente fuor del detto 
ultimo Chiostro, e nella medesima dirittura 
una viottola dell' Orto lunga braccia 200. 
E tutto ciè vedendosi dalla principal porta 
del Convento faceva una veduta maraviglio- 
sa . Nel detto secondo Chiostro era un Re¬ 
fettorio lungo braccia 60, e largo 18. con 
tutte quelle accomodate stanze, e, come 
dicono i Frati, Officine, che a un si fatto 
Convento si richiedevano. Disopra era un 
Dormentorio a guisa di T, una parte del 
quale cioè la principale, e diritta, la qua- 
le era braccia 60, era doppia, cioè aveva le 
Celle da ciascun lato, e in testa in uno 
spazio di 15. braccia un Oratorio, sopra 
l'Altare del quale era una Tavola di ma¬ 
no di Pietro Perugino (1), e sopra la por¬ 
ta di esso Oratorio era un altra opera in 
fresco, come si dirà, di mano del medesi- 
mo, 
(1) II Borghini a pag. 295. del suo Riposo ediz. 
Fior. del 1730. dice, che di Pietro alla Calza 
sonovi tre Tavole, che prima erano in S. Giu¬ 
sto, tra le quali un Crocifisso colla Maddalena 
a' piedi, e altri Santi. Questa Tavola non è as- 
solutamente del Perugino, e il Baldinucci dice, 
che in questa Chiesa vi sono soltanto due Ta- 
vole di questo Pittore.
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer