Full text: Dalla Porta S. Niccolò fino alla Pieve di S. Piero a Ripoli (5)

Casa de' Medici fu cacciata di Firenze dal 
la parte contraria, per aver presa più au- 
torità di quel che sopporti una Città libe- 
ra, e che si regga a repubblica. E percioc- 
chè la Signoria non dubitava, che ’l Papa 
non dovesse fare ogni opera per rimetterla, 
ed aspettando certa guerra, voltò l'animo 
a fortificar la Citià, e sopra ciò fece Mi- 
chelangiolo Commissario Generale. Egli a¬ 
dunque preposto a tale impresa, oltre a 
molte altre provvisioni da lui per tutta 
la Città fatte, cinse di buone fortificazio- 
ni il Monte di S. Miniato, che soprastà 
alla Terra, e scuopre intorno il Paese; del 
qual Monte, se il nemico insignorito si 
fosse, non è dubbio, che s’ impadroniva 
ancora della Città. Fu adunque tale avve- 
dimento la salute della terra, e danno 
grandissimo del nemico; perciocchè essen¬ 
do alto, ed elevato, come ho detto, mol- 
to molestava l'Oste, massimamente dal Cam- 
panile della Chiesa, dove erano due pez¬ 
zi d’artiglieria, che di continuo gran dan- 
no davano al Campo di fuori. Michela¬ 
gnolo, ancorchè tal provvisione avesse fat 
ta, nondimeno per qualunque caso av- 
venir potesse, se ne stava in quel monte. 
Ed essendo stato già circa sei mesi, (1) si 
comin¬ 
(1) Mentre stava Michelangiolo cingendo di buo- 
ne fortificazioni il Monte di S. Miniato, quivi 
in
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer