Full text: Dalla Porta S. Niccolò fino alla Pieve di S. Piero a Ripoli (5)

48 
Di qual'Istituto poi fossero questi Mo- 
naci introdottivi dal Vescovo Ildebrando nol 
sappiamo; Il Lami gli appella in genere Mo¬ 
naci Benedettini Neri; altri poi vogliono, 
che fossero Cluniacensi, tra 1 quali il For- 
tunio Hist. Camald. Lib. 1. Cap. 35. Par. 1. 
il quale dice : Incolebant S. Miniatis Coeno¬ 
bium Cluniacenses Benedictini Cucullati. Quan- 
tunque però non vi sia alcun riscontro, che 
questo Monastero sia stato mai della Con- 
gregazione di Clugni, ne mai sottoposto 
all' Abbazia Cluniacense, mai nominandosi 
come tale nei diplomi Pontificj, Episcopali, 
e Cesarei dati a questo Monastero, pur non 
ostante l'asserzione del Fortunio non è inve- 
risimile, stantechè egli dice di aver trovato 
nel Libro delle Collazioni di Valombrosa 
Segn. A. Cap. 35. Part. 1; che 1 Clunia- 
censi erano in antico il Monastico dell'I- 
talia. 
Tra le moltissime donazioni fatte nel 
Secolo XI. da diversi a questo Monastero 
in nessun luogo mi sono imbattuto a incon- 
trare l’espressa nella sequente Carta dei 26. 
Luglio 1086. della Segreteria vecchia esisten- 
te adesso nell'Arch. Dipl. del tutto ignota 
al Muratori, al Borghini, al Manni, al La- 
mi, e a tutti quelli, che hanno parlato di 
questo Santuario; anzi quest'ultimo nella 
serie degli Abbati di S. Miniato, che pone 
nell'Istoria Ecclesiastica Fior. T. 2. pag. 1201. 
dopo
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer