Full text: Dalla Porta S. Niccolò fino alla Pieve di S. Piero a Ripoli (5)

10 
Intemerata, lo quale era allora comunemen 
te in uso . Di essa ne fanno menzione il 
Boccaccio nella Novella seconda della se- 
conda giornata, e nella prima della setti- 
ma del suo Decamerone; e Franco Sacchetti 
nella Novella 140. racconta di tre Ciechi 
che viaggiando cantavano l'Intemerata per 
ogni borgo. L'autorità poi, che egli adduce 
per provare, che nel 1352. per anche esse abi- 
tavano a Montici, dedotta da un contrat- 
to del Monastero di S. Agata del detto an- 
no, che in realtà è de' 6. Giugno 1353 
mostra non aver veduto, oppure di averlo 
creduto autografo, il che non è vero, essen- 
do una copia rogata molti anni dopo; di- 
fatti una carta dei 20. Settembre 1350. lo 
smentisce, allorchè dice: Actum Florentie in 
Burgo Sancti Galli in Monasterio Sancte Ma 
rie Scalciatarum Feminarum &c. 
All'opposto del Pad. Richa, che ha pro 
tratto più del dovere il loro passaggio in 
Firenze, il Brocchi nella Storia del Magello 
a pag. 299. lo ha indirettamente anticipato 
di 48. anni, e più, mentre dice, che,, le 
Monache di S. Lucia del Borgo a S. Loren 
zo nel 1292. passarono in Firenze in Via 
S. Gallo in un luogo detto S. Maria della 
Neve, ove sono i Roccettini. , Questo Mo- 
nastero di S. Maria della Neve, a cui suc 
cederono i Roccettini, come si è veduto 
con autentici documenti, fu eretto nel 1339; 
e in
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer